CONSEGNATE LE PRIME BENEMERENZE. VACCINAZIONI NELLA RESIDENZA PROTETTA

Da ieri il sindaco di Fabrano, Gabriele Santarelli, ha iniziato la consegna delle benemerenze per tutti coloro che, in questo anno covid-19, si sono distinti per altruismo, impegno e attività nei confronti della popolazione alle prese con l’emergenza sanitaria. “Una benemerenza è stata data al responsabile dell’Anconambiente per l’area montana, Andrea Cardoni per l’attività svolta dagli operatori – dice il primo cittadino. – Per le persone sottoposte a quarantena è stato attivato un servizio di raccolta dedicato con l’organizzazione di turni appositi e una gestione separata. Un servizio fondamentale per garantire la sicurezza”. Ieri il sindaco ha consegnato l’Attestato anche alla Polizia locale e alla Polizia di Stato e nei prossimi giorni seguirà la consegna a tutti coloro i quali hanno prestato il proprio prezioso servizio per consentire alla popolazione di affrontare l’emergenza nel migliore dei modi. “Questo riconoscimento verrà consegnato a: Guardia di Finanza, Carabinieri, Protezione civile, Ambito sociale 10, Cisom, Croce Azzurra, Croce Rossa, ospedale Profili, Servizio Igiene Area Vasta 2” conclude Santarelli. Dal punto di vista delle vaccinazioni anticovid, invece, ricordiamo che da lunedì mattina cambia la sede: si passa presso la palestra Fermi situata lungo via Dante, vicino alla piscina comunale e al grande parcheggio. Dall’organizzazione ribadiscono l’importanza di arrivare solo all’ora indicata nella ricevuta della prenotazione e di portare i relativi moduli già compilati.

Ieri, intanto, è stato raggiunto un altro importante traguardo. Nella struttura di Residenza Protetta di Santa Caterina è stata effettuata con successo la vaccinazione degli ospiti. «Ci siamo organizzati allestendo una sala vaccinazioni, una sala di attesa ed una per la sosta dopo il vaccino – spiega il presidente dell’Azienda Servizi alla Persona, Giampaolo Ballelli. – Nessuno degli ospiti ha manifestato controindicazioni, ora sono tutti protetti dai pericoli maggiori derivati dal Covid-19. L’auspicio è quello di tornare, gradualmente, a riaprire la struttura alle fondamentali relazioni sociali e alla ripresa dei nuovi progetti che il Covid-19 ha bloccato”. Ricordiamo a novembre il focolaio con 52 positivi su 55 utenti e il successivo decesso di diversi utenti.

Per quanto riguarda l’aggiornamento dei numeri. Sono 363 i positivi a Fabriano, 734 le persone in quarantena (-100 rispetto a venerdì scorso). In aumento a Cerreto d’Esi e Serra San Quirico, stabili a Genga. A Sassoferrato, invece, sono 120 i positivi, 187 (-65 rispetto una settimana fa) le quarantene. In tutto l’Ambito: 602 positivi, 1.145 in quarantena.

Marco Antonini