Incontro tra assessori alle Infrastrutture Umbria e Marche, il punto sui collegamenti

Ancona – Per la prima volta, dopo anni, gli assessori alle Infrastrutture di Marche e Umbria, si sono incontrati per parlare di collegamenti tra le due regioni e tra il Tirreno e lAdriatico. Lo hanno fatto ieri, 11 marzo, in territorio marchigiano, dove lassessore regionale Francesco Baldelli ha accolto lomologo umbro Enrico Melasecche Germini. La nota della Regione Marche.

Il punto

Il primo sopralluogo, fortemente simbolico, a Mercatello sul Metauro, direttamente allimbocco del Traforo della Guinza, tristemente considerata lincompiuta delle incompiute. Poi i due assessori regionali si sono trasferiti a Cagli, altro luogo significativo per il passaggio della strada della Contessa” (S.S. 452), che si sviluppa quasi interamente in territorio umbro per poi giungere nelle Marche. Entrambi gli assessori hanno evidenziato la necessità di un suo adeguamento e miglioramento, mentre poi hanno anche parlato della possibilità del passaggio ad ANAS delle due strade regionali, Arceviese (S.R. 360) e Apecchiese (S.R. 257). I fallimenti delle politiche infrastrutturali passate hanno penalizzato fortemente le Marche e lUmbria, specialmente nei collegamenti est-ovest e con le altre regioni del Centro Italia, tra il Tirreno e lAdriatico, i due mari che sono una piattaforma logistica naturale per due importanti Corridoi europei, Iberico e Balcanico.

Il nord delle Marche – precisa lassessore Baldelli – soffre di un isolamento storico che solo una visione più ampia e intermodale del sistema delle infrastrutture può sanare: mi riferisco alla Fano-Grosseto e al sistema delle Pedemontane e delle Intervallive, una rete stradale da collegare alla Quadrilatero nelle province di Ancona e Macerata e, più a sud, alla Salaria. Mi riferisco anche alla Ferrovia Orte-Falconara e al grande anello di ferro’ che abbiamo pensato per collegare la costa pesarese con Urbino, lentroterra ricco di borghi e bellezze naturalistiche, Fabriano e Civitanova Marche, iniziando un percorso di salvaguardia e di rilancio di tratte ferroviarie ritenute a torto e troppo in fretta rami secchi. Un anello che potrebbe incrementare il turismo nelle aree interne ed essere un volano utile a sconfiggere lo spopolamento di queste zone, partendo dallo sviluppo dei servizi essenziali, come quelli dedicati alla salute, alleducazione e alla formazione dei giovani, affiancati da una mobilità moderna e funzionale, per avere cosi una crescita equilibrata della nostra regione”.

Sottolinea lassessore Melasecche: Abbiamo entrambi voluto questo incontro per coordinare gli sforzi di Umbria e Marche nell’ottenimento di una modernizzazione delle infrastrutture comuni, a cominciare dal completamento della E78, Fano Grosseto, per la quale ho avuto già un primo assenso di massima dal Presidente Giani della Toscana per la firma di un protocollo di intesa che unisca le tre regioni che attendono da tempo anche su tale fronte maggiore attenzione. Il protocollo, già operativo per il raddoppio della Orte-Falconara, costituisce solo un primo step cui vogliamo far seguire esperienze analoghe sul fronte delle arterie stradali da realizzare, e da ultime, ma tutt’altro che marginali, anche per la valorizzazione di alcune ciclabili in comune, iscritte fra quelle nazionali, che intendiamo realizzare e potenziare al fine di incentivare un turismo slow che sta avendo un crescente successo”.

Durante questo primo incontro è emersa la volontà di avviare, da parte dei due assessorati, un percorso condiviso per disegnare una visione complessiva sulle principali infrastrutture di Marche e Umbria che sia in grado di imprimere un vero cambio di passo alle politiche di sviluppo di territori chiave per tutto il Centro Italia e i collegamenti con lEst Europa. Nelle prossime settimane seguirà un altro incontro per affrontare la questione delle altre infrastrutture che interessano soprattutto il Centro Sud di entrambe le regioni.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy