LE MARCHE TRA LE REGIONI CON MENO ASSUNZIONI NELLA SANITA’

Ancona – Le Marche sono tra le regioni che hanno assunto meno personale per potenziare il Servizio sanitario regionale per fronteggiare le esigenze derivanti dall’emergenza Covid. E’ quanto emerge dai dati della Memoria sul Bilancio di Previsione dello Stato per il 2021 della Corte dei Conti ed elaborati dall’Ires Cgil per la Funzione Pubblica CGIL Marche.

Dalla Memoria della Corte dei Conti emerge che a livello nazionale, ricorrendo a rapporti libero professionali anche con personale in quiescenza, a rapporti con specializzandi e medici abilitati non specializzati, a incarichi individuali a tempo determinato, ad assunzioni a tempo indeterminato e altre forme di reclutamento, a fine ottobre erano oltre 36 mila le unità di personale attivate nel sistema sanitario pubblico per l’emergenza Covid, di cui 7.650 medici e 16.570 infermieri. Molto esiguo è il numero di medici, infermieri e altre figure professionali reclutate nelle Marche: solo 468 di cui 103 medici e 225 infermieri. Un dato particolarmente basso che colloca le Marche al 15° posto tra le regioni italiane. Ma ciò che colpisce maggiormente è il dato relativo alle assunzioni a tempo indeterminato. Se a livello nazionale siamo a quota 433 medici, 5.178 infermieri e 3.164 altre figure professionali, nelle Marche è stato assunto a tempo indeterminato un solo medico.

Un dato che colpisce soprattutto se raffrontato con ciò che hanno messo in campo regioni come la Toscana che ha assunto a tempo indeterminato 50 medici, 1.847 infermieri e 996 altre figure professionali, l’Emilia Romagna con 13 medici, 930 infermieri e 719 altre figure. Solo Molise e Basilicata fanno peggio, con nessuna assunzione a tempo indeterminato. Dunque, nelle Marche è stato reclutato poco personale e quasi esclusivamente con incarichi a tempo determinato (12 medici, 223 infermieri e 134 altre figure) o con rapporti libero professionale (di cui 74 tra specializzandi o medici abilitati non specializzati e 10 medici in pensione). (cs)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy