Fondazione Carifac diventa coordinatrice della Consulta delle Fondazioni Marchigiane

L’Assemblea della Consulta tra le Fondazioni Casse di Risparmio Marchigiane, nella seduta del 27 aprile u.s., ha nominato all’unanimità quale Coordinatore nel biennio 2022/24, Dennis Luigi Censi, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.

“Nella nostra visione si ritiene che la Consulta possa essere per le Fondazioni un punto di riferimento che favorisca un confronto continuo e la circolazione di idee – sottolinea il neo coordinatore della Consulta, Dennis Luigi Censi (foto) – e questo pilastro della nostra visione dovrà essere alimentato dall’attuazione di otto punti programmatici che vanno dalla definizione di regole chiare e condivise per l’alternanza e il coordinamento della Consulta, all’azione di collegamento tra ACRI e Fondazioni fino all’individuazione di tematiche erogative di comune interesse per i rispettivi territori. Questo nuovo incarico è pienamente funzionale al processo di ammodernamento di una Fondazione CARIFAC che vogliamo proiettata verso le sfide future”.

L’Associazione della Consulta riunisce le Fondazioni di origine bancaria con sede nella Regione Marche che sono associate all’ACRI (Ascoli Piceno, Fabriano, Fano, Fermo, Jesi, Macerata, Loreto e Pesaro) e strutturalmente è costituita da tre organi sociali: l’Assemblea dei Soci, l’Organo amministrativo ed il Coordinatore. Lo scopo è quello di favorire la realizzazione di iniziative comuni intervenendo con adeguati finanziamenti nei settori rilevanti della loro attività, e perseguendo la promozione e il coordinamento a livello regionale di iniziative anche di intesa con altri soggetti pubblici o privati. A tal fine, la Consulta svolge anche un’attività di rappresentanza delle Fondazioni nei confronti delle istituzioni regionali di propria competenza. A queste si associano altre finalità, tra le quali ricordiamo la promozione di attività di studio e ricerca, associata a percorsi di strategie operative in relazione ai settori di intervento istituzionali.

 

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy