UN MARK CROW INCONTENIBILE STENDE LA LAZIO ROMA

1982 stagione di serie A2 per l’Honky Fabriano di Albertone Bucci, impegnata nella volata finale per la promozione. Arriva a Fabriano la Lazio Roma targata Latertini, terza squadra della capitale dopo il Bancoroma Roma e la Stella Azzurra. La Lazio ha appena esonerato il celebre coach Arnaldo Taurisano visti i risultati deficitari del team laziale che viene a trovarsi fanalino di coda di un campionato piuttosto equilibrato. Gara non facile anche per la grande prova dell’americano Gibson autore di ben 26 e 10 rimbalzi che ha sorpreso un po’ il team cartario, ma il solo Gibson non può bastare contro un’Honky determinata guidata non solo dalla regia di Lasi e dai 6 assist di un determinato Tassi , ma anche da Leo Sonaglia a quota 18 e da un Al Beal monumentale sotto canestro con 18 rimbalzi e 3 stoppate. Senza Rodolfo Valenti si temeva alla vigilia in particolare la panchina piuttosto corta, ma nonostante questo l’Honky ha mostrato oculatezza e soprattutto ha presentato un gigantesco Mark Crow, sempre più determinante, sempre più leader. Crow ha realizzato 35 punti segnando con altissime percentuali da ogni dove, piazzato, in elevazione, a tabellone con una raffica di punti da ogni posizione. Un Mark davvero micidiale, gigantesco ha garantito la vittoria ai casuals apparsi all’inizio un po’ frastornati dal duo Jones-Gibson particolarmente ispirato. Fabriano ha dovuto così sudarsi una vittoria molto importante per il quarto posto riscattando così la sconfitta in terra laziale dell’andata.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy