In evidenza

Fabriano – Il 2024 del sindaco Ghergo, “potenziare il Museo della Carta”

La sindaca di Fabriano, Daniela Ghergo, dopo aver annunciato, per il 2024, l’avvio di una serie di cantieri in centro storico, fa il punto sugli obiettivi e i progetti per il nuovo anno negli altri settori fondamentali per la città della carta, cultura in primis. Dichiara la prima cittadina: «Dopo aver riattivato il circuito di “Fabriano Città Creativa Unesco” che era stato abbandonato, e fatto tornare il teatro Gentile il centro dell’attività culturale con una stagione di prosa e sinfonica di eccellenza – dice – abbiamo riconsegnato alla città lo storico cinema Montini. Un cinema in centro storico rappresenta ormai una rarità preziosa. Lo faremo rivivere aprendolo alle attività delle associazioni culturali». Poi Ghergo anticipa la volontà di «potenziare il Museo della Carta che deve diventare museo nazionale perché rappresenta l’emblema della nostra tradizione». La città, infatti, è conosciuta in tutto il mondo grazie alla carta e alla filigrana e da sempre si chiede di valorizzare al massimo questa identità. Dal punto di vista turistico la sindaca conferma che il 2024 avrà come obiettivo quello di «valorizzare i percorsi dei nostri borghi, promuovendo la bellezza e l’attrattività delle frazioni anche attraverso i cammini, cosa che abbiamo iniziato a fare con il bike hospitality e che continueremo. In più, ora abbiamo un’app per cellulare interamente dedicata al turismo». I lavori in cantiere sono molti. «Al 31 dicembre 2023 sono stati avviati o appaltati lavori per 12 milioni di euro. Ci sono 24 milioni di euro di opere finanziate di cui è necessario completare l’iter o avviare nel 2024. Sono enormi risorse economiche che verranno riversate sul territorio» sottolinea la sindaca che conferma anche che è in corso la sostituzione delle videocamere con nuovi modelli. Tra le altre attività da evidenziare c’è la mappatura e il monitoraggio degli alberi, già iniziata, e che «non erano mai state fatte prima in questo Comune» e l’apertura di un nuovo sgambatoio per i cani. Allo studio una soluzione per risolvere la mancanza di un gattile comunale. Il nuovo anno porterà altre novità. «Stiamo avviando un incubatore di imprese che consentirà ai giovani imprenditori di rendere concreti i propri progetti imprenditoriali. Avrà sede in una frazione e sarà un volano per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile» anticipa. Riguardo ai parchi delle frazioni arriveranno anche qui i giochi per bambini. Non è escluso il potenziamento del Centro di aggregazione giovanile. «Il 2024 sarà l’anno dell’ascolto e della partecipazione, della valorizzazione del museo della carta, del centro e delle frazioni, ma sarà anche l’anno del coinvolgimento dei giovani: saranno loro ad indicarci la città in cui vorranno vivere» conclude Ghergo.

Marco Antonini