Pass olimpico anche per Milena Baldassarri e domani la finale all-around

Nessuna medaglia ieri sera per Sofia Raffaeli alla finale al nastro, mentre si è vista soffiare la medaglia di bronzo dall’ultima atleta in gara, la slovena Vedeneeva: 31.100 contro 31.050 della Raffaeli. La 19enne di Chiaravalle, quindi, nelle quattro finali ad attrezzo ne ha disputate tre, ma non si è qualificata alle clavette. La bella notizia, però, è arrivata da Milena Baldassarri che ha staccato il pass non nominativo per le Olimpiadi 2024 classificandosi al 15° posto con 94.250 punti. Soddisfazione è stata espressa dalla Ginnastica Fabriano. «È record. Abbiamo l’unica tecnica, Julieta Cantaluppi, che ha fatto qualificare due ginnaste per la stessa Olimpiade. L’Italia, quindi, sarà rappresenta alle olimpiadi di Parigi da due ginnaste made in Fabriano» dice Maila Morosini, vicepresidente della società. Tutto è iniziato mercoledì quando Sofia Rafafeli, agente delle Fiamme Oro, ha ottenuto i primi due argenti mondiali, a cerchio e palla. Tutte le Marche hanno tifato per lei e per il capitano della Ginnastica Fabriano, Milena Baldassarri. Tra le prime a congratularsi con le atlete, la sindaca di Fabriano, Daniela Ghergo. “Al mondiale di Valencia, le atlete della Ginnastica Fabriano e cittadine onorarie di Fabriano, Milena Baldassarri e Sofia Raffaeli, hanno brillato incantando il pubblico che ha gremito l’impianto della Feria di Valencia” esordisce la prima cittadina. “Accompagnate dalle tecniche Julieta Cantaluppi e Claudia Mancinelli, le due campionesse hanno ottenuto ottimi risultati al cerchio e alla palla. Milena Baldassarri ha ottenuto il pass per le Olimpiadi, complicato. Avete incantato con la vostra grazia ed eleganza. Tutta la città è con voi. Congratulazioni a Sofia per aver vinto due splendide medaglie d’argento nella prima gara impegnativa ed emozionante e a Milena che con due bellissime ha lottato con determinazione per Parigi 2024” conclude la sindaca Ghergo che volerà a Valencia oggi per le finali All-Around di domani.

Quella in corso in Spagna, ricordiamo, è la 40ª edizione dei campionati del mondo di Ginnastica Ritmica. Occhi puntati domani sulla campionessa individuale in carica, la chiaravallese Sofia Raffaeli, chiamata a difendere domani il titolo All-Around conquistato in Bulgaria, lo scorso anno. Ma ieri sera l’attenzione era tutta per la ventiduenne romagnola che doveva entrare tra le migliori 14 del concorso generale, escluse Raffaeli, la tedesca Darja Verfolomeev (vincitrice sinora di tutte le prove individuali ai Mondiali) e la bulgara Stiliana Nikolova, già ammesse a Parigi dai Mondiali del 2022, per staccare il pass per Parigi 2024. E così è stato. “Siamo pronte e cariche aveva dichiarato Baldassarri, seguita in Spagna da Julieta Cantaluppi, al termine della prima giornata di gare. Quattro anni fa ero più ingenua e inconsapevole. Adesso che ho vissuto l’esperienza olimpica, ci terrei a rifarla, e ovviamente sfrutto tutto ciò che ho imparato”. Non ha tradito le aspettative.

Sofia e Milena accedono alla finale all-around

Con la giornata di ieri, si è conclusa anche la qualificazione per la finale del concorso generale individuale che si svolgerà domani, sabato, e la cui ammissione (riservata alle prime diciotto della fase preliminare) è stata definita dalla somma dei tre migliori punteggi. Sofia Raffaeli e Milena Baldassarri sono riuscite a conseguire l’accesso alla finale con i totali di 101.800 e 94.250, qualificandosi tra le prime diciotto al mondo con rispettivamente il terzo e quindicesimo punteggio. Assieme alle due azzurre, rivedremo in finale anche le bulgare Stiliana Nikolova e Boryana Kaleyn (1° e 4° con 104.300 e 101.450), le tedesche Darja Varfolomeev e Margarita Kolosov (2° e 10° con 102.600 e 95.950), la slovena Ekaterina Vedeneeva (5°, 97.550), le spagnole Polina Berezina e Alba Bautista (6° e 16° con 97.450 e 94.150), l’israeliana Daria Atamanov (7°, 97.550), l’ucraina Viktoriia Onoprienko (8°, 96.800), l’uzbeka Takhmina Ikromova (9°, 96.600), l’ungherese Fanni Pigniczki (11°, 95.700), l’azera Zohra Aghamirova (12°, 95.250), la francese Hélène Karbanov (13°, 94.900), la brasiliana Barbara Domingos (14°, 94.500), la romena Annaliese Dragan (17°, 93.550) e la cinese Zilu Wang (18°, 93.400). Domani pomeriggio sarà la volta della gara a squadre, con il concorso generale che vedrà in pedana le migliori ventiquattro delegazioni dello scorso anno. La Squadra Nazionale Senior, inserita nel Gruppo B, scenderà in pedana alla fine del gruppo e dopo l’Azerbaigian, iniziando con l’esercizio 3 nastri/2 palle: obiettivo per il sestetto seguito da Emanuela Maccarani e Olga Tishina il pass olimpico per Parigi, riservato alle prime cinque delegazioni classificate ad esclusione di Bulgaria, Israele e Spagna, già qualificate grazie al podio dello scorso anno.

Marco Antonini