In breve da Matelica

Venerdì il sindaco di Matelica Massimo Baldini e l’assessore Maria Boccaccini hanno partecipato a Fabriano al convegno su “La città appenninica: uno spazio urbano tra Marche e Umbria”. L’iniziativa si è snodata tra mattino e pomeriggio con due sessioni e una tavola rotonda conclusiva a cui hanno partecipato tantissimi ospiti, tra cui il Commissario Straordinario per la Ricostruzione Guido Castelli, il vicepresidente della Regione Umbria Roberto Morroni, il presidente del Parco Nazionale Dei Sibillini e prorettore Unicam Andrea Spaterna, diversi sindaci e assessori dei comuni del territorio appenninico e tanti altri rappresentanti istituzionali. «Si è parlato di trovare soluzioni per riportare questi territori a vivere momenti nuovi, una nuova qualità della vita, più lavoro e migliori servizi – commentano sindaco e assessore -. Fondamentale la valorizzazione dei territori montani bellissimi e dei prodotti agroalimentari per favorire il turismo. È necessario, infine, costituire una comunità fra tutti i comuni di un territorio vicino e simile per fare emergere i valori culturali e artistici unici».

Bando

Si è tenuto nella Sala consiliare del Comune di Macerata, alla presenza del Commissario straordinario alla Ricostruzione Sisma 2016 Guido Castelli, del sindaco e presidente della Provincia di Macerata, Sandro Parcaroli, il primo incontro rivolto agli amministratori di MaMa – Marca Maceratese relativo all’ottenimento del finanziamento di oltre due milioni e 500mila euro previsto dal PNRR macro-misura B “Rilancio economico sociale” sub misura B2 “Turismo, cultura, sport e inclusione”, linea di intervento B2.2 destinata a interventi per le aree del terremoto del 2009 e del 2016 per la valorizzazione del patrimonio storico-culturale, ambientale e sociale del territorio. Obiettivo finale sarà la costituzione di una DMS (Destination Management System) dell’intero territorio attraverso varie fasi. Dopo un’analisi preliminare del contesto, un monitoraggio dei flussi turistici e l’elaborazione di un modello di marketing, si procederà a mettere in campo un intervento di digitalizzazione grazie alla creazione di una piattaforma che possa ospitare circa 1400 strutture turistiche e offrire capacità di vendita dei prodotti svincolandosi dall’intermediazione delle piattaforme turistiche che oggi dominano il mercato. Le finalità sono: aumentare lo sviluppo del tessuto locale produttivo e creativo del turismo digitale, migliorare la diffusione e la distribuzione del prodotto turistico locale sul mercato italiano e internazionale e garantire la massima visibilità dell’offerta turistica generata dal territorio. Tra le fasi di azione ci sono anche la progettazione e la realizzazione di contenuti editoriali e redazionali di comunità, il coinvolgimento degli stakeholder del territorio e la creazione di una associazione tematica locale tra comuni che sia aperta ai privati. Il progetto, infine, prevede anche l’organizzazione di un modello di comunicazione che promuova le ricchezze del territorio con contenuti narrativi e descrittivi originali che valorizzino il patrimonio materiale e immateriale, nonché attività di promozione e di comunicazione. All’incontro di Macerata hanno partecipato gli assessori del Comune di Matelica Maria Boccaccini, Graziano Falzetti e Giovanni Ciccardini. «Noi come comune del cratere siamo contenti di aver partecipato al bando – spiega l’assessore al Turismo Boccaccini – sono soddisfatta del risultato perché con questo progetto possiamo offrire alle strutture di Matelica la digitalizzazione e la messa in rete dell’offerta turistica per la promozione sul mercato italiano e internazionale, ricevendone massima visibilità».

100 anni

Festa grande nella sede comunale di via Spontini per i 100 anni della signora Ida Montanari. La nuova centenaria ha scelto di festeggiare la ricorrenza proprio in Comune, a conferma del suo attaccamento alla città di Matelica. Madre, nonna e bisnonna, nata nel 1923 a Matelica, Ida ha ricevuto un mazzo di fiori e una medaglia raffigurante piazza Enrico Mattei dal vicesindaco Denis Cingolani e dall’assessore Rosanna Procaccini. Accompagnata dalla sua famiglia, la signora Montanari ha ringraziato tutti con il sorriso e con grande affetto. «Come amministrazione comunale facciamo i nostri più vivi auguri alla signora Ida per questo suo traguardo così importante. Siamo onorati di averla ricevuta qui in Comune insieme alla sua famiglia» hanno fatto sapere gli amministratori.

Mostra

Sabato 1 luglio è stata inaugurata la mostra pittorica di Lucio Paglialunga presso gli spazi espositivi di vicolo Cuoio I. Il noto artista, di origine matelicese, torna protagonista in città grazie alla disponibilità degli eredi della moglie, Maria Teresa Cellini, che hanno acconsentito al prestito delle opere. Dai paesaggi ai ritratti fino alla natura morta, le opere di Paglialunga sono una ventata di colori, forme e luci che abbracciano svariate tematiche. Molto note in città le opere denominate “Via Crucis”, esposte presso la cappella dell’ospedale “E. Mattei”. Matelica nel 2009 gli intitolò anche degli spazi nei sotterranei di Palazzo Ottoni che divennero il “Centro espositivo Lucio Paglialunga”, oggi purtroppo non disponibili a causa dei lavori post sisma 2016. Per questo si è scelto di esporre le opere in vicolo Cuoio I, nei rinnovati locali adiacenti al museo Piersanti. «Paglialunga ha vissuto per molti anni a Matelica in un’abitazione prossima alla mia attuale residenza – spiega l’assessore alla Cultura Giovanni Ciccardini –. Non l’ho mai conosciuto personalmente, ma ricordo che il suo nome girava con successo nel territorio. Ha contribuito ad animare il boom economico locale con le sue opere: avere in casa uno o più quadri del Paglialunga era uno status symbol per i matelicesi. Oggi, grazie alla disponibilità dei cognati Cellini, abbiamo l’occasione di riproporre questa figura con una mostra dedicata. Come amministrazione comunale è un onore poterlo ricordare a 16 anni dalla sua morte, ma è anche l’occasione per riprendere a parlare di personaggi che hanno segnato un determinato periodo della nostra comunità». Lucio Paglialunga nasce a Matelica il 9 novembre 1935. Frequenta l’Istituto d’Arte di Macerata e si diploma Maestro d’Arte in Decorazione Pittorica nel 1956. Nello stesso anno partecipa con successo al Premio Marche di Macerata; è questo l’inizio della sua lunga attività artistica che si svolgerà per circa 40 anni attraverso Mostre ex-tempore, Mostre-concorso, Mostre personali e Mostre collettive in Italia e all’estero. Docente di Disegno e Storia dell’Arte, insegna in varie Scuole Medie Inferiori e Superiori della regione Marche, concludendo la sua carriera scolastica presso il Liceo Scientifico “Campana” di Osimo dove svolge la sua opera di docente per quasi 20 anni. L’artista muore ad Osimo il 10 giugno 2006. I quadri di Lucio Paglialunga rimarranno esposti fino al 30 luglio, con i seguenti orari di apertura al pubblico: dal martedì al venerdì dalle ore 17 e 30 alle 20, sabato e domenica dalle ore 10 alle 12 e 30 e dalle ore 17 e 30 alle 20 (la mostra rimarrà chiusa sabato 8 e domenica 9 luglio). L’ingresso è libero.

Cuba

Dal 29 giugno al 2 luglio la città di Matelica si è tinta dei colori di Cuba per il tradizionale appuntamento con l’Encuentro Amigos de Partagas, giunto alla 17esima edizione. Tanti gli appuntamenti organizzati dal locale Cigar Club guidato dal presidente Francesco Minetti: degustazioni, seminari, approfondimenti, cene, presentazioni, musica, spettacoli e premi tra Matelica e le vicine location di Borgo Lanciano e Lanciano Forum. Il momento istituzionale più importante è stato sicuramente quello di sabato mattina al teatro Piermarini di Matelica dove tra i tanti ospiti ricevuti dall’amministrazione comunale c’era anche l’Ambasciatrice Straordinaria e Plenipotenziaria di Cuba presso la Repubblica Italiana Mirta Granda Averhoff. Una visita significativa e molto importante che, come ha ribadito anche il noto giornalista del Tg5 Gioacchino Bonsignore salito sul palco, ha rinforzato la continuità dell’amicizia tra il territorio matelicese e il popolo cubano. A ricevere l’Ambasciatrice e gli altri ospiti sul palco sono stati il sindaco Massimo Baldini e il vicesindaco Denis Cingolani. «Ringraziamo il Cigar Club e tutti i suoi associati per aver fatto vivere queste belle giornate alla nostra comunità grazie all’Encuentro – commenta l’amministrazione comunale – Matelica e Cuba sono unite da tempo da questo grande sentimento di amicizia instaurato negli anni con le varie edizioni dell’evento organizzato dal presidente Minetti e dal suo staff».