In evidenza

Fabriano – Polpette avvelenate ad Attiggio, “la mia cagnolina è stata salvata dal veterinario”

Fabriano – Polpette di riso contenenti antilumaca sono state lasciate da ignoti nei dintorni di Attiggio di Fabriano. Non è la prima volta che accade. La stessa cagnolina, purtroppo, è rimasta avvelenata due volte. Per fortuna è stata sempre salvata dal veterinario. A rimetterci sono gli amici a quattro zampe che corrono liberamente in campagna, insieme ai propri padroni. A conti fatti nell’ultimo periodo diversi cani hanno ingerito queste polpette: la corsa tempestiva dal veterinario, alla vista dei primi sintomi, evita il peggio. A segnalare questa emergenza sono stati alcuni residenti di Attiggio che, preoccupati, hanno chiesto l’arrivo delle forze dell’ordine per indagare sull’accaduto. Molti della zona, spaventati, hanno deciso di non portare i propri cani a correre in mezzo al verde. Sicuramente questi cani non davano fastidio a nessuno, ma a rimetterci sono sempre i più deboli, siano essi animali o persone. Un abitante di Attiggio racconta la sua odissea. “Per la seconda volta in 20 giorni – dice Roberto Olestini – la mia cagnolina ha ingerito antilumaca. Nel primo caso in un quantitativo minore, nei giorni scorsi in modo abbondante nascosto in una polpetta. Siamo tornati a casa e il mio meticcio ha cominciato a tremare tanto. Ho capito che c’era qualcosa che non andava, sono corso dal veterinario che è riuscito a salvare la mia cagnolina facendole vomitare tutto. Ora sta bene”. Ad Attiggio e dintorni sono tutti allertati e i residenti tengono stretti i propri cani, durante le passeggiate, per evitare possibili episodi di avvelenamento. Episodi analoghi in precedenza, infatti, sono avvenuti anche a Fabriano città e altre frazioni del comprensorio. L’appello è quello di segnalare eventuali movimenti sospetti a polizia o carabinieri, per tutelare non solo la salute dei nostri amici cani, ma anche dei bambini piccoli che, soprattutto d’estate, corrono dappertutto e potrebbero raccogliere queste polpette killer.

Marco Antonini