Utente da’ in escandescenza al Profili, i poliziotti riportano la calma e potenziano i controlli

I poliziotti del Commissariato di Fabriano sono intervenuti, nei giorni scorsi, presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Profili. I sanitari, infatti, avevano segnalato al 112 NUE la presenza molesta nella sala di attesa di un uomo che, con il suo comportamento, turbava la regolarità delle prestazioni sanitarie e la tranquillità dei pazienti e dei loro familiari in attesa. In particolare, l’uomo, un sessantenne fabrianese, ritenendo avere diritto ad una visita medica urgente e ad un accesso privilegiato rispetto agli altri utenti, vedendo le sue pretese insoddisfatte iniziava ad urlare contro la sanità, i medici ed infermieri e, contemporaneamente, dava calci alle sedute presenti ed alla porta del medico in visita. La volante della Polizia, giunta sul posto, non aveva problemi ad individuare l’esagitato, conosciuto per i suoi trascorsi giudiziari. Alla vista degli agenti, l’uomo, con una intensa attività di mediazione, veniva riportato alla calma. Tuttavia, anche rispondendo alle richieste di sicurezza e tranquillità degli altri utenti in attesa, i poliziotti permanevano nella sala d’attesa prevendendo ulteriori intemperanze. Giunto il proprio turno, l’uomo veniva visitato e dimesso dopo pochi minuti. Al momento di lasciare il Pronto Soccorso, veniva ammonito sulle conseguenze potenziali del suo comportamento in termine di possibile segnalazione alla Autorità Giudiziaria per interruzione di pubblico servizio. L’attività di indagine, a riguardo, è tuttora in corso. I violenti calci alle sedute ed alla porta dello studio medico non paiono aver avuto conseguenti danneggiamenti. In relazione al fatto avvenuto e, in generale, rispondendo alle esigenze di prevenzione e salvaguardia dei sanitari, degli operatori e delle strutture, questo Commissariato di Polizia ha disposto una intensificazione di passaggi e soste preventive presso l’ospedale Profili soprattutto in orari serali e notturni. (cs)

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy