PROPRIETA’ COMUNALE PALAZZETTO DI FABRIANO, MOZIONE DELL’OPPOSIZIONE

Fabriano – I consiglieri di opposizione (Scattolini, Giombi, Stroppa, Stroppa, Balducci, Crocetti, Pallucca, Arteconi, Cingolani) hanno protocollato una mozione sul PalaGuerrieri di Fabriano per chiedere che la proprietà dell’immobile rimanga comunale e intitolato al professor Giuliano Guerrieri.

Il documento

“Considerate le recenti dichiarazioni rilasciate dal Sindaco in riferimento alle criticità di vulnerabilità sismica del Palazzetto dello Sport di Fabriano, rilevato che tale immobile rappresenta la casa dello Sport della Città, nonché un bene che è stato da sempre al servizio dei cittadini, (sia sufficiente pensare che è stato lo spazio nel quale i fabrianesi hanno trovato accoglienza in seguito al terremoto del 1997 e, recentemente, è stato al servizio della lotta alla pandemia), ritenuto che sia, pertanto, necessario un serio confronto tra la Amministrazione comunale e i tecnici per valutare e attuare le migliori misure per rendere di nuovo fruibile il nostro Palazzetto… In ogni caso, qualunque sia la scelta tecnica che verrà adottata, si ritiene che il Palazzetto dello Sport “Giuliano Guerrieri” debba rimanere di proprietà del Comune, poiché in tale modo potrà rimanere al servizio di tutto lo sport cittadino e al servizio di tutta la Comunità. Oltremodo, l’intitolazione dell’immobile al Professore Giuliano Guerrieri rappresenta la storia e le radici dello sport locale, in quanto la pallacanestro è la disciplina sportiva maggiormente seguita e la figura del Prof. Guerrieri incarna i valori nobili non solo del basket fabrianese, ma dello sport in generale. Per tali ragioni si chiede al Consiglio Comunale di Fabriano di votare favorevolmente questo atto il quale impegna il Sindaco e la Giunta a mantenere la proprietà pubblica comunale del Palazzetto dello Sport e al contempo l’intitolazione al Prof. Giuliano Guerrieri a prescindere dagli interventi edilizi che verranno disposti sull’immobile”.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy