SENTENZA PENZI, SGUARDO SU VENETO BANCA E FONDAZIONE CARIFAC

Incertezza in Comune sulla vicenda Penzi. E oggi alle ore 18 Consiglio comunale. La strada in salita si manifesta sotto tutti gli aspetti: dalla trattativa con la ditta Penzi nella speranza di giungere a un accordo per la dilazione del risarcimento di circa 1 milione e 800.000 euro, allo studio dell’avanzo di amministrazione 2015 non vincolato, senza dimenticare i contatti che la giunta comunale ha avviato con Veneto Banca e Fondazione Carifac. “Il confronto con la Penzi è ancora in piedi – ha detto il sindaco Sagramola – e questo è importante, perché se riuscissimo ad arrivare a un’intesa, potremmo guardare avanti con più fiducia. Dal dialogo tra i legali, attendiamo che emerga qualcosa di positivo. La soluzione migliore per noi sarebbe ottenere una rateizzazione decennale del versamento: spalmare il debito su un arco di tempo di dieci anni ci consentirebbe di non intaccare settori delicati del documento di bilancio”. Su Veneto Banca e Fondazione Carifac il primo cittadino specifica che “non è un mistero che stiamo cercando di capire la loro disponibilità – ha precisato – ma per ora ci sono stati solo contatti informali”.