In evidenza

Whirlpool mette a disposizione la sue sedi marchigiane come siti vaccinali

Fabriano – Whirlpool Corporation supporta la campagna “Fabbriche di Comunità” promossa da Confindustria, ed è pronta e disponibile ad offrire le proprie sedi marchigiane di Fabriano (AN), Melano (AN) e Comunanza (AP) e le altre sedi italiane come centri per la somministrazione del vaccino contro il COVID-19.

Sin dall’inizio Whirlpool Corporation è stata in prima fila nella lotta alla pandemia, nella convinzione che l’apporto del settore industriale possa essere determinante nel supportare gli sforzi di Istituzioni e cittadini nel definitivo superamento dell’emergenza pandemica. In Italia, Whirlpool Corporation supporta l’iniziativa di Confindustria sul censimento nazionale delle “Fabbriche di comunità”, mettendo a disposizione tutti e 7 tra siti industriali e sedi operative sul territorio italiano per la somministrazione dei vaccini, secondo le modalità che saranno ritenute opportune dalle Autorità competenti, e offrendo la disponibilità per effettuare in tali centri anche le vaccinazioni destinate alla popolazione residente nelle comunità dove operiamo. Per l’iniziativa, Whirlpool offrirà i propri spazi attrezzati all’interno delle strutture aziendali, le strumentazioni necessarie per la somministrazione dei vaccini e il proprio personale, sia medico che di supporto. In ogni sede dell’azienda, inoltre, sono pronte a prestare supporto come volontari intere squadre di dipendenti formati per il Primo Soccorso ed in possesso della certificazione CRI.

“Da sempre Whirlpool è in prima linea nel sostenere la salute e la sicurezza, non solo nei luoghi di lavoro ma anche supportando le comunità nelle quali siamo localizzati ed operiamo. Anche qui nelle Marche abbiamo prontamente risposto alla chiamata di Confindustria e del Governo” commentano Michele Zambotti, direttore del sito di Melano e Salvatore Cavallo, direttore del sito di Comunanza. “Vogliamo fare tutto il possibile per dare il nostro contributo alla campagna vaccinale e ci impegniamo non solo per i nostri collaboratori, ma anche – qualora possibile ed in accordo con le autorità sanitarie – per la popolazione. Non appena ci verrà richiesto, siamo pronti per cominciare”. (cs)