PIU’ CONTROLLI IN CENTRO, I RESIDENTI ALZANO LA VOCE

di Marco Antonini

“Se qualcosa non cambierà a breve siamo costretti a prendere iniziative forti, pure la chiusura di via Del Poio, come hanno già fatto i residenti di via Le Conce che hanno messo i cancelli”. E’ il monito degli abitanti della via a due passi da Corso della Repubblica di Fabriano che chiedono azioni forti, da parte delle forze dell’ordine, contro vandali e incivili. “Nelle ultime settimane, tra Pasqua e festa del primo maggio – racconta un residente – non abbiamo dormito per diverse notti per la grande confusione che è stata fatta in zona”. Un problema che si verifica anche in via Balbo dove “dormire diventa sempre più complicato”. A rimetterci sono gli spazi pubblici: in via Del Poio le famiglie che risiedono tra il monastero di Santa Margherita e gli storici giardini del Poio devono fare i conti con pipì, bicchieri di plastica e bottiglie di alcolici e superalcolici danneggiate a terra, in altre zone del centro con piccoli dispetti alle auto rigate. “Recentemente – racconta un fabrianese – mi sono affacciato per chiedere di abbassare il tono di voce ai ragazzi che si stavano divertendo in via Cialdini e la mattina dopo ho trovato la mia utilitaria con graffi anche profondi alla fiancata sinistra. Un danno da circa 500 euro”. Un problema, quello dell’inciviltà, che crea molti malumori. In via del Poio le famiglie sono stanche di dover pulire ogni domenica mattina perchè alcuni trasformano questa stradina nascosta che collega la Pinacoteca al Corso principale in bagno a cielo aperto e non solo. Non è la prima volta che accadono questi fatti visto che si ripetono quasi a cadenza settimanale. Giovani annoiati, quindi, e anche maleducati che non si fermano davanti a nulla. L’alcol – a vedere le tante bottiglie che ogni settimana vengono raccolte in questo vicolo – spopola tra i giovani e per alcuni non c’è divertimento senza qualche bicchiere di troppo. Qui più volte sono state chieste le telecamere. Intanto le forze dell’ordine hanno potenziato i controlli con personale in divisa e in borghese.

I giovani

Emergenza giovani in via Cialdini e vicolo Le Conce. A lanciare l’allarme era stato il presidente di Confcommercio Fabriano, Mauro Bartolozzi. “Questa strada, ogni giorno, è oggetto di atti vandalici di persone che non sanno cosa fare. Quotidianamente – denuncia – registriamo la presenza di auto in doppia fila che bloccano la circolazione e l’entrata in azione dei vandali che non hanno paura di nessuno. In via Cialdini sono state divelte piante e secchi dell’immondizia con le attività ancora aperte. Questi fatti non avvengono solo di notte, ma anche di giorno”.

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy