CONTROLLI STRAORDINARI NELLA PROVINCIA DI ANCONA

Nel corso della giornata di venerdì 5 aprile e la nottata del 6, in tutta la provincia di Ancona, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno effettuato dei controlli straordinari con particolare riferimento ai centri in sede fissa di telefonia e servizi internet quali phone center, call center e internet point. I controlli hanno riguardato inoltre i money transfer per verificare anche anomali movimenti di denaro nonché strutture ricettive, stazioni ferroviarie, diverse linee di trasporto pubblico ed altri importanti luoghi di aggregazione. Durante il servizio, a cui hanno partecipato 60 militari, oltre alla compiuta identificazione di tutti gli avventori al fine di verificare ingressi clandestini sul territorio nazionale, sono stati eseguiti mirati controlli per accertare eventuali violazioni penali e amministrative nello specifico settore. Nel dettaglio sono stati controllati 43 obiettivi, 187 mezzi ed identificate 453 persone. Di seguito l’operazioni d’interesse:

ANCONA: i Carabinieri della Compagnia di Ancona, nella serata appena trascorsa, hanno concentrato i controlli soprattutto nei quartieri degli Archi e del Piano. Durante l’attività è stato fermato in questa Piazza Rosselli un 23enne di Ancona, che controllato mentre era a bordo della sua Fiat Panda è stato trovato in possesso di oltre 20 grammi di sostanze stupefacenti del tipo “hashish”. Il giovane è stato anche sottoposto ad accertamenti specifici presso l’ospedale “Torrette” di Ancona volti ad accertare l’eventuale guida in stato di alterazione psico-fisica conseguente all’uso di sostanze stupefacenti ed in attesa dell’esito si è proceduto al ritiro provvisorio della patente di guida per dieci giorni. Inoltre i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno elevato una contravvenzione ad un cittadino di origini tunisine, ma regolare sul territorio nazionale, per ubriachezza molesta. L’uomo di 49 anni infatti è stato individuato dai militari in questa via Marconi mentre, in evidente stato di alterazione psico-fisica, dovuto all’assunzione smodata di sostanza alcoliche, molestava i passanti.

LORETO: nel corso della mattinata di ieri i Carabinieri della locale Stazione, mentre si trovavano ad ispezionare i locali delle sale d’attesa e le pertinenze della locale stazione ferroviaria, venivano interessati dal personale delle Ferrovie Italiane, in quanto a bordo del treno 6997 “Ancona – Ascoli Piceno”, in atto fermo presso quello scalo, aveva sorpreso due cittadini stranieri sprovvisti del biglietto, che rifiutavano di scendere nonostante l’espressa richiesta del capotreno. I militari salivano a bordo del treno ed identificati i due cittadini romeni, di anni 21 e 30, entrambi senza fissa dimora sul territorio nazionale, nullafacenti e pregiudicati, li accompagnavano presso la Stazione Carabinieri di Loreto, per eseguire le prescritte procedure di identificazione. Gli stessi venivano deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per il reato di interruzione di un ufficio o di un servizio di pubblica necessità in quanto la loro condotta aveva provocato un considerevole ritardo alla ripartenza del convoglio.

MONSANO: i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Jesi hanno deferito in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica un 21enne originario del Bangladesh residente a Jesi. La stesso controllato durante la notte in Monsano via Liguria, nei pressi della discoteca Miami, mentre era a bordo dell’autovettura Fiat Punto, risultava positivo all’alcol test con un tasso pari a 0,89 g/l. La patente di guida veniva ritirata. Nella stesso comune, però in via Emilia Romagna, sempre i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica anche un 20enne residente a Falconara Marittima che, controllato a bordo di una Fiat Punto, risultava positivo all’accertamento alcolimetrico con un tasso pari 1,35 g/l. La patente di guida veniva ritirata.

SENIGALLIA: i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno denunciato un rumeno di 31 anni, residente in provincia di Pesaro-Urbino, per il reato di furto aggravato. I militari, a seguito di segnalazione pervenuta sul “112”, sono intervenuti presso il centro commerciale “Il Maestrale”, dove gli addetti alle differenze inventariali, avevano fermato una persona sospettata di aver commesso un furto. Dopo averlo preso in consegna, i Carabinieri lo hanno sottoposto a perquisizione accertando che l’uomo, poco prima, si era impossessato con destrezza di due “battery pack” con annessa cavetteria, gettando il codice a barre per non far attivare l’allarme sonoro alle casse. La refurtiva del valore circa 100 euro, è stata recuperata e restituita al punto vendita. Sempre i militari dello stesso Reparto hanno controllato in via Po un giovane di 24 anni, di Senigallia, noto alle forze di polizia, che in sella ad una bicicletta aveva tentato di eludere il controllo. Sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso di un piccolo involucro di carta stagnola contenente mezzo grammo di “eroina”, celato all’interno del risvolto del berretto di lana che indossava. Il 24enne, che ha dichiarato di farne uso personale per motivi non terapeutici, è stato segnalato per i provvedimenti di competenza al Prefetto di Ancona.

COMUNICATO STAMPA CARABINIERI

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy