BOOM DEI GRANDI MUSEI ITALIANI, 2018 ANNO D’ORO

Anche il 2018 si conferma annata record per i musei italiani che hanno superato la soglia dei 55 milioni di visitatori, con un incremento superiore ai cinque milioni rispetto al 2017. Un risultato straordinario che ha portato un aumento degli incassi lordi, dai 193.915.765 euro del 2017 ai 229.360.234 del 2018, con un segno più di ben 35.444.469 milioni di euro. Tra i siti più visitati resta saldamente al primo posto l’area Colosseo – Foro Romano – Palatino che fa segnare un +8,73% passando da 7.036.104 visitatori del 2017 a 7.650.519 del 2018. Al secondo posto l’area archeologica di Pompei che aumenta il numero di visitatori del 7,78% e si conferma il monumento più visitato del Sud.

Nella classifica dei primi 30 siti più visitati in Italia 8 si trovano nel Lazio, 6 in Campania, Regione che sta attraversando in tali settori una crescita netta e decisa, 5 in Toscana, 4 in Lombardia, 3 in Piemonte, 2 in Veneto e uno ciascuno in Puglia e Friuli Venezia Giulia. Campania che come riporta l’Ufficio Statistica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Reggia di Caserta si è posizionata al nono posto, registrando 845.131 ingressi, mentre Il Mann, Museo Archeologico Nazionale, è undicesimo in classifica e cresce del 16,4%, raggiungendo nel 2018 i 616.878 visitatori. Seguono a breve distanza, piazzandosi al tredicesimo posto, gli Scavi di Ercolano che, con il 13,66% in più di turisti, raggiungono i 534.328 biglietti staccati. Da segnalare il Museo di Capodimonte che da solo è a quota 188.322 visitatori, ma c’è da dire che dovrebbero essere conteggiati anche i 3.583.023 ingressi che registra il Bosco di Capodimonte annesso.

Dopo Lazio e Campania saliamo in Toscana: al terzo posto della classifica italiana dei siti più visitati troviamo la Galleria degli Uffizi con il Corridoio Vasariano a Firenze. In questo caso il Mibac registra un leggerissimo decremento, dello 0,19 percento, calando da 2.235.328 a 2.231.071 visitatori. E ancora, tra i trenta siti più visitati nel 2018 il maggior incremento è stato quello dei Musei Reali di Torino (+27,82), poi Palazzo Pitti a Firenze (+24,23), le Grotte di Catullo e il museo archeologico di Sirmione (+18,83) e il Giardino di Boboli a Firenze che risale la classifica fino a essere il quinto sito più visitato in Italia con il suo +17,92.

Le Marche si piazzano al decimo posto, metà classifica, in particolare va rilevato il 21% di aumento di visitatori rispetto all’anno precedente, in particolare la Galleria Nazionale di Urbino registra un incremento del 34%.

Francesco Fantini

 

 

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy