“CHE DIO CI AIUTI” TORNA A FABRIANO

Manca solo l’ufficialità che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane: per la terza volta consecutiva la fiction Rai “Che Dio ci aiuti” tornerà a girare le scene in esterna a Fabriano. La casa di produzione Lux Vide avrebbe confermato la città della carta come residenza di Suor Angela e del suo convento di suore. Elena Sofia Ricci e tutto il cast della popolare serie campione d’ascolti di Rai1, quindi, torneranno a Fabriano per la stagione numero 5. Sono più di 6 milioni i telespettatori che sono rimasti incollati davanti alla tv per seguire le avventure di Suor Angela e tante persone, negli anni, hanno conosciuto Fabriano grazie alle riprese della fiction effettuate in tutto il centro storico. Tutta Italia ha avuto la possibilità di ammirare, anche solo attraverso il televisore, la bellezza della città che cerca il rilancio tramite il turismo. Le riprese dovrebbero riprendere a Fabriano nel mese di giugno. La messa in onda è prevista nel corso della prossima stagione invernale di Rai1, probabilmente prima del Festival di Sanremo dell’anno prossimo, quindi, tra gennaio e febbraio 2019. Nel sito ufficiale della serie si legge che “il convento resta a Fabriano e rimane il luogo accogliente che è sempre stato, con le sue porte sempre spalancate a giovani, ma anche adulti, che hanno temporaneamente perso l’orientamento”. Tra le novità l’assenza dell’attrice Diana Del Bufalo che ha deciso di abbandonare la serie. Suor Angela, con la sua auto, tornerà a muoversi lungo Corso della Repubblica e a parlare con le sue consorelle al Loggiato San Francesco, all’Oratorio della Carità e vicino alla chiesa dei Santi Biagio e Romualdo. Non resta, allora, che aspettare la conferma ufficiale e sapere come fare per candidarsi per un provino per fare una comparsa in una delle serie di Rai1 più amate dal pubblico.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy