PALIO SAN GIOVANNI FABRIANO, IL TEMA 2015 E’ IL FIUME GIANO

Il fiume Giano, fin dall’antichità, ha segnato in positivo nella storia la nascita e lo sviluppo della città di Fabriano. Il fiume ha garantito la forza idrica per lavorare il ferro fin dalle origini, per lavorare i panni lana, le pelli e le carte nel medioevo e anche per far crescere la grande industria della carta e della meccanica a partire dall’Ottocento e per tutto il novecento. L’ente Palio, questo anno, ha scelto di riflettere sul Giano come testimonianza, insieme al territorio, della sua storia e della vita di una comunità cittadina che sta riscoprendo il Giano come elemento d’identità del centro storico. Riscoprire alcuni elementi centrali nel dialogo tra Fabriano e il Giano: il valore sociale del fiume, come luogo di incontro delle genti e della vita, attraverso l’acqua; il valore economico del fiume, come strumento per la produzione artigianale e agricola; il fiume che permette di riscoprire il centro storico e raccontare, nel XII secolo, la nascita del comune come unione fra i due castelli di Castel Nuovo e Castel Vecchio; la leggenda di Mastro Marino, il mitico fabbro, fondatore del comune, la cui storia si lega al fiume; la fontana maggiore e il palazzo del Podestà, come emblemi, positivi, di una comunità che costruisce il buon governo sulla risorsa, ideale, dell’acqua, fonte biblica di vita e di sapere.