In breve da Matelica

Attestati Erasmus+

Giovedì 14 dicembre, presso l’Auditorium dell’IPSIA Don Enrico Pocognoni di Matelica, si è tenuto l’evento conclusivo del Programma Erasmus+, con la consegna dell’attestato di partecipazione a studenti e docenti. Quest’anno le destinazioni erano Malta e Valencia. L’istituto, recentemente, ha raggiunto un significativo obiettivo: l’accreditamento che consente alla scuola per sette anni di usufruire – con priorità rispetto ad altre scuole – di fondi europei riservati a progetti di mobilità per studenti e docenti. Alla cerimonia di stamattina erano presenti diverse autorità, tra queste il sindaco Massimo Baldini, il vicesindaco Denis Cingolani, il presidente della Provincia di Macerata Sandro Parcaroli, la consigliera provinciale con delega alla Rete Scolastica Laura Sestili, il consigliere regionale Pierpaolo Borroni e diversi dirigenti scolastici del territorio. «In questi ultimi anni l’Ipsia Pocognoni ha raggiunto traguardi molto importanti sul fronte del Programma Erasmus+ – spiega il sindaco Baldini – questo permette agli studenti di potersi confrontare sempre più ad alto livello con scenari internazionali, facendo esperienze importanti all’estero grazie all’importante lavoro dei docenti e della dirigenza scolastica che si stanno impegnando molto su questo fronte. Come amministrazione comunale non possiamo che ringraziarli e complimentarci con tutto l’istituto per il lavoro svolto».

Sinclinale Camerte

Importante mattinata dedicata al territorio e alla biodiversità all’Istituto Tecnico Agrario Vivarelli di Fabriano. Nell’ambito del festival Francesco Scacchi, l’11 dicembre si è tenuto un convegno dedicato ai ragazzi della scuola dal titolo “Parliamo di Biodiversità, un valore di territorio”. L’incontro, che si è tenuto presso la sala Ubaldi, ha avuto diversi interventi, tra cui quello del vicesindaco e assessore all’Agricoltura del Comune di Matelica Denis Cingolani. Nello specifico Cingolani ha parlato dell’iscrizione nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale Storico del “Paesaggio vitivinicolo del Verdicchio di Matelica nella Sinclinale Camerte”, raccontando le caratteristiche di questo territorio e le diverse azioni di valorizzazione dello stesso. «Ringrazio il dirigente scolastico Emilio Procaccini e il professor Francesco Sbaffi che hanno curato l’evento – ha detto Cingolani – è stata un’ottima opportunità per parlare del nostro territorio e delle sue peculiarità a un pubblico di giovani ragazzi, che tra qualche anno sarà chiamato a portare avanti quei percorsi che oggi stiamo sviluppando per dare un futuro alla Sinclinale e ai nostri prodotti di eccellenza».

Gospel a Santo Stefano

Non è Santo Stefano a Matelica senza il concerto gospel al teatro Piermarini. Torna anche quest’anno, il prossimo 26 dicembre, l’appuntamento con la musica gospel al Piermarini. Grazie alla collaborazione con il San Severino Blues Festival quest’anno arriveranno a Matelica i “The Serenity Singers”, sestetto composto da: Veronica Martinez (alto), Vanessa Lynch (soprano), William Lynch (tenore basso), Davon Fleming (tenore alto), Therron Delane Fowler (tenore) e Marcus Lavert Haney (piano/keyboards). Con uno spettacolo condito di ottime armonie e arrangiamenti musicali le Serenity Singers ritornano in tour, dopo lo strepitoso successo del 2015 e del 2016, questa volta in sestetto con una nuova line up ancora più coinvolgente ed emozionante. Inizio spettacolo alle ore 21.15. Biglietteria del Piermarini aperta il 23 dicembre dalle ore 17 alle ore 20 e il 26 dicembre dalle ore 17 a inizio spettacolo (biglietti disponibili anche online sul circuito vivaticket.com).

La stagione concertistica dell’orchestra Sinfonica Rossini

È stata presentata la programmazione della Stagione Sinfonica 2023/2024 del teatro Piermarini di Matelica organizzata dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Tre gli spettacoli di grande valore che il sovrintendente e presidente Saul Salucci ha raccontato questa mattina ai giornalisti assieme all’amministrazione comunale, rappresentata dagli assessori a Cultura e Turismo Giovanni Ciccardini e Maria Boccaccini. Il presidente Salucci ha espresso grande soddisfazione per la sinergia tra istituzioni pubbliche, private e territoriali, che hanno reso possibile il progetto di portare una stagione concertistica da Pesaro al teatro Piermarini di Matelica. «Abbiamo deciso di proporre tre spettacoli – ha spiegato – si tratta di tre titoli molto chiari e molto conosciuti, partiamo venerdì 22 dicembre con La Traviata di Giuseppe Verdi». Per questo primo appuntamento la Sinfonica Rossini ha tratto dalla versione originale una versione “smart”, che ripercorre la storia attraverso le arie e i duetti più famosi, trascritti dal direttore d’orchestra Noris Borgogelli, che è anche prima viola e direttore per la formazione. Un’ora di spettacolo in compagnia di Violetta, che avrà la cristallina voce di Emanuela Torresi, di Alfredo Germont, interpretato dal tenore Domenico Menini, con cui OSR ha inciso un CD di arie d’opera, e del severo padre Giorgio Germont, ossia Matteo Torcaso, baritono che nonostante la giovane età si è già affermato nel panorama lirico come autorevole interprete del melodramma italiano. Accompagnerà il cast vocale la formazione cameristica dei solisti dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Il secondo appuntamento, in programma per domenica 25 febbraio 2024, vedrà protagoniste due prime parti dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini nella prestigiosa veste di soliste: la sezione dei flauti sarà infatti impegnata in due brani divertenti e virtuosistici, con il primo flauto OSR Elena Giri che si cimenterà nella funambolica “Fantasia su temi di Carmen di G. Bizet per flauto e orchestra”, composta dal francese François Borne nel 1900, mentre l’ottavinista OSR Fabiola Santi (presente alla conferenza di presentazione di questa mattina) proporrà il “Concertino per ottavino, archi e cembalo” di Allan Stephenson, del 1979. Il programma è completato da un brano scritto per l’occasione da Danilo Comitini, compositore vivente premiato in Italia e all’estero, che viene dedicato all’artista Antonio Manzi, pittore e scultore toscano, autore dell’opera in bronzo “Sei tutto per me”, monumento al musicista Riz Ortolani, collocata nel Cimitero monumentale di Pesaro. Chiude la stagione concertistica del Piermarini un musical amatissimo: sabato 21 aprile 2024 il pubblico viaggerà con l’immaginazione fino al “Moulin Rouge” parigino. La Rossini e il Comune di Matelica ringraziano per il sostegno il Ministero della Cultura, la Regione Marche, l’Amat e l’Associazione degli Amici dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Tutti i concerti avranno luogo al teatro Piermarini con inizio alle ore 21.00. Il biglietto è fissato a 10€ (posto unico) per tutti i concerti (su prenotazione tramite la Pro Matelica al tel. 0737 85671 o cell. 373 8683790). Maggiori informazioni si trovano sul sito della Rossini www.orchestrarossini.it

Vaticano

Una giornata indimenticabile per l’amministrazione comunale di Matelica che è stata accolta in Vaticano da Papa Francesco per l’accensione dell’albero di Natale. Quest’anno per illuminare il Natale è stato acceso un albero proveniente dal territorio di Macra, città piemontese che ha per sindaco Valerio Carsetti. Il cognome non mente sulla provenienza: il primo cittadino è infatti originario di Matelica e per questo alla cerimonia di accensione dell’albero sono stati invitati anche gli amministratori di Matelica. Erano presenti il sindaco Massimo Baldini, il vicesindaco Denis Cingolani e gli assessori Maria Boccaccini e Graziano Falzetti. Oltre a loro anche una folta delegazione di fedeli matelicesi. Al Papa è stato consegnato un dono da parte della città di Matelica. Durante la consegna è stato ricordato al pontefice che Matelica è la città di Mattei: “Ah, Enrico Mattei, certo!” ha affermato il Santo Padre. «Un’emozione unica impossibile da dimenticare – hanno raccontato gli amministratori matelicesi – il Papa è stato molto disponibile nei nostri confronti e ci ha regalato dei momenti emozionanti. Ringraziamo il sindaco Carsetti per averci di fatto fornito l’occasione di conoscere da vicino il Pontefice».