LA TRISTE FINE DELLA FONTANA DI SAN NICOLO’ DI FABRIANO

Vandali in azione o danno provocato da una macchina per colpa della strada stretta? Sta di fatto che la storica fontana di piazza Cairoli, vicino alla Collegiata San Nicolò, non conosce pace. La notte scorsa, ignoti, hanno abbattuto la colonnina di pietra che delimita la fontana senza poi autodenunciarsi alle forze dell’ordine. Un episodio che capita quasi tutti i mesi. Da più parti i residenti del quartiere Borgo hanno chiesto all’amministrazione comunale di chiudere al tratto quel piccolo pezzo di strada che collega via Cialdini con viale Serafini. “Dobbiamo far vivere il centro storico – sostengono alcuni negozianti – ma quella via andrebbe chiusa al traffico per rispetto dei turisti, dei fabrianesi e dei fedeli che frequentano San Nicolò. In molti casi, oltretutto, in quella piazza c’è da fare i conti con i parcheggiatori caotici e con gli incivili che abbandonano i rifiuti.” A breve gli operai comunali dovranno risistemare la colonna di pietra vittima del traffico nei vicoli del centro storico. In rete, intanto, scoppia la polemica sull’inciviltà della gente che provoca danni al patrimonio culturale locale e non si autodenuncia alle istituzioni. Il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola, nel corso si una conferenza stampa, aveva auspicato un maggior senso di comunità. L’assessore Paglialunga, dopo l’ultima denuncia di un nuovo raid vandalico in via Cavour, aveva annunciato l’installazione di tre nuove telecamere di sicurezza al Loggiato San Francesco.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy