IL VESCOVO VECERRICA PRESIEDE I RITI DELLA SETTIMANA SANTA

La pioggia non ha fermato centinaia e centinaia di fedeli che, venerdì 27 marzo, hanno partecipato alla Via Crucis cittadina organizzata dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali e presieduta dal Vescovo. Don Alberto Castellani, per l’occasione, ha scritto le meditazioni che sono state lette ad ogni stazione. “La pioggia che imperversava poteva impedire il rito – confida Mons. Giancarlo Vecerrica – e invece si è svolto tutto regolarmente. Gesù quando è andato al Calvario non guardato il tempo ma si è fatto condurre. Così anche noi.” Tanti i giovani presenti e i movimenti diocesani. Al termine il vescovo ha affidato a tutti due compiti: guardare sempre di più il crocifisso e imparare a baciarlo. Per il clero sono stati giorni impegnativi con l’arrivo della Settimana Santa. Domenica delle Palme con i lavoratori per il vescovo Giancarlo che ha celebrato la Messa presso lo stabilimento Ariston Thermo di Genga. “Il mondo del lavoro, nel nostro comprensorio, è la realtà più crocifissa. Per questo – ha spiegato il presule – esprimo continuamente la mia solidarietà a chi il lavoro lo ha perso e sprono il mondo politico a fare di più. Dobbiamo pregare e stare più vicino a chi soffre e lotta per il lavoro.”

Ieri, Mercoledì Santo primo aprile, i fedeli sono stati convocati in Cattedrale per la Messa del Crismale alle ore 18: è l’unica celebrazione dell’anno dove partecipano anche le monache di clausura che, per una volta, possono uscire dal convento. Mercoledì, quindi, protagonisti i sacerdoti che hanno rinnovato le promesse sacerdotali che non sono una ripetizione ma una rinnovazione. Si ripete per tenere viva la consapevolezza del dono del sacerdozio, non come una cosa privata, ma come coscienza di appartenenza piena al presbiterio, attorno al Vescovo. “Che bello – confida don Giancarlo – che tutta la Diocesi è riunita per pregare per il Vescovo e i nostri sacerdoti.” All’Offertorio sono stati presentati gli oli e le offerte per la Caritas che i parroci e i rettori di chiesa hanno raccolto durante la quaresima. Dopo la celebrazione il clero si è riunito per la cena presso l’Oratorio della Sacra Famiglia. Poi i riti del Triduo Pasquale celebrati in Cattedrale San Venanzio e a Matelica che culmineranno con il solenne Pontificale di Pasqua. Nelle chiese si potrà prendere il messaggio pasquale che Vecerrica ha indirizzato ai fedeli della Diocesi. Il vescovo, intanto, guarda in lontananza e a proposito del Giubileo straordinario indetto da Papa Francesco ha detto che dobbiamo ‘innanzitutto ringrazio Dio per il dono che il Papa ci ha fatto con l’Anno Santo sul tema della Misericordia. Promettiamo di metterci tutto il nostro cuore con l’impegno personale e pastorale.’

Marco Antonini