Fabriano – 10mila euro per il rifacimento della segnaletica orizzontale

Fabriano – Al via, per un importo pari a 10mila euro, il rifacimento della segnaletica orizzontale a Fabriano. Lo annuncia la sindaca, Daniela Ghergo, che parla di una città “che sta cambiando volto”. Intanto si è concluso il lavoro per la rimozione dell’amianto dal tetto della scuola primaria “Marco Mancini”, sita nel quartiere Santa Maria. Il plesso è pronto per accogliere gli alunni in vista dell’avvio imminente del nuovo anno scolastico.

Per quanto riguarda le strade sono molti i tratti interessati da questo intervento di manutenzione alla viabilità che è stato sollecitato anche dai residenti. Da tempo, infatti, gli automobilisti lamentano la condizione delle strade della città che sono in parte prive di strisce e con molte buche che rischiano di danneggiare le auto. Dopo il tratto che collega l’uscita SS 76 Fabriano Ovest, rotatoria Cancelli, c’è il quartiere Piano. Poi viale XIII Luglio con la zona riguardante lo stop in prossimità della chiesa parrocchiale di San Giuseppe Lavoratore. Le altre vie interessate sono via Mastro Marino, via Bovio, via Rossi, via zacchilli e via Gramsci. Proseguendo verso il centro troviamo via Miliani, via Spontini e piazzale Santa Maria Maddalena. C’è poi l’attraversamento pedonale rialzato in via XXIV Maggio, lato Collepaganello, e le strade di via Cappuccini, via Serraloggia, via Saragat, via Merloni e via La Spina. Verranno poi effettuati interventi alla segnaletica e agli stop, senza dimenticare gli attraversamenti pedonali a raso, nelle vie Silvestrini, Don Sturzo, Latini, Bocci e De Gasperi. Interessate da questo lavoro anche le vie di comunicazione del quartiere di Santa Maria. Qui, infatti, si trova, tra le altre cose, la Cittadella degli Studi in via Pavoni. Gli operai arriveranno anche in via Don Minzoni e in via Turati, in prossimità dell’uscita del cimitero di Santa Maria e in via Dante, nel tratto da via Bennani a via Casoli dove ci sono due canalizzazioni e tre linee di stop. Il lavoro interesserà anche il centro, con via Ramelli molto critica, il popoloso quartiere Borgo, con particolare attenzione a via Martiri della Libertà, una delle strade più trafficate della zona, e poi via delle Fornaci, via Brodolini, via Urbani e via Romagnoli. “Tutti i quartieri della città saranno interessati” dice la sindaca, Daniela Ghergo.

C’è anche un lavoro che è finito. Nei giorni scorsi, infatti, per una spesa pari a 18mila euro, i tecnici sono intervenuti presso la scuola Marco Mancini, sita nel quartiere Santa Maria. E’ il secondo intervento per la bonifica dell’amianto, dopo l’intervento sul capannone in centro, in via Le Povere. “La scuola – dice la sindaca – è stata realizzata negli anni ‘70 e presenta la parte centrale della copertura realizzata con una struttura in legno sormontata da un tavolato, nella cui parte superiore sono presenti pannelli in fibrocemento ricoperti con guaina bituminosa per 220 metri quadrati”. I lavori, affidati lo scorso mese, sono terminati. Il progetto redatto prevedeva la sostituzione, lo smontaggio e lo smaltimento della copertura in apposite discariche. Poi c’è stato il montaggio di una nuova copertura in alluminio.

Marco Antonini