In evidenza

La solidarietà dei fabrianesi, più di 4mila kg donati in tre Raccolte

Più di 4mila chili di prodotti donati dai fabrianesi durante le tre Raccolte Alimentari organizzate in altrettanti supermercati della città. Una solidarietà senza confini che permette alla Caritas di essere sempre più in prima linea nella carità. Aumentano, poi, le famiglie in difficoltà seguite dalla Caritas Diocesana, al momento circa 550. Nel 2022 la sede via Fontanelle ha distribuito più di 19mila litri di latte. E’ la fotografia scattata dalla Caritas di Fabriano. In prima linea l’Emporio della Carità situato al piano terra dello stabile che offre, attualmente, a circa 500 famiglie della diocesi di Fabriano-Matelica la possibilità di recarsi mensilmente, in maniera gratuita, per la spesa. Tre sono state le Raccolte organizzate in città tra aprile e maggio: 1° aprile al supermercato Conad; il 22 aprile presso il supermercato “Si con Te”; il 13 maggio al supermercato Coop. «Un ringraziamento particolare ai volontari della Caritas che si sono resi sempre disponibili al servizio, coinvolgendo anche altre associazioni e realtà territoriali: in particolare il Centro Aiuto alla Vita; l’Azione Cattolica Ragazzi, il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta di Fabriano e i ragazzi della 3°A del Liceo Classico “Stelluti” di Fabriano» dice il direttore, don Marco Strona. Nel dettaglio la raccolta del 1° aprile, presso il Conad, ha permesso di raccogliere 1.224 kg di merce. Quella del 22 aprile presso il Sì con Te 837 kg di merce e l’ultima, alla Coop, ben 2.150 kg di merce. Totale donato dai fabrianesi: 4.211 kg di merce. Tutti prodotti che servono a riempire gli scaffali dell’Emporio al piano terra, in Caritas. «Le tre iniziative della Raccolta Alimentare, promosse e organizzate dalla Caritas Diocesana negli ultimi due mesi, si muovono precisamente in una direzione precisa: rifornire gli scaffali dell’Emporio della Carità e trovare, insieme alla società civile, le vie da percorrere insieme per “rendere realtà un mondo senza fame”» commenta don Marco Strona. Solo nel 2022 sono stati distribuiti 19mila litri di latte; 3.400 bottiglie di olio d’oliva; 1.400 bottiglie di olio di semi; 10mila bottiglie di passate di pomodoro; 9mila scatolette di tonno; 8.700 pacchi di spaghetti; 4.700 pacchi di pasta corta; 5mila kg di riso; 2.500 confezioni di uova, 3mila omogeneizzati e 600 confezioni di pannolini. Parte di questi prodotti sono stati acquistati da Caritas oltre che da Agea e tramite donazioni di privati. Siccome la solidarietà non ha confini, tutte le emergenze vengono seguite, anche fuori zona. 30 famiglie alluvionate dopo l’emergenza dello scorso settembre, che ha messo in ginocchio le Marche, sono seguite dalla Caritas Diocesana. Senza dimenticare la guerra in Ucraina e le tante emergenze che minano questo mondo. Sono 30 i volontari che, in pianta stabile, operano presso la sede di via Fontanelle coordinati da Don Marco Strona e dal vice, Gian Luigi Farneti. Ci sono poi tanti volontari che operano a livello parrocchiale in tutte le vicarie della Diocesi con l’obiettivo di aiutare chi sta soffrendo una crisi economica e lavorativa che ormai va avanti da troppi anni.

Marco Antonini