Il vescovo Massara a Marischio: “Un messaggio di serenità”

Fabriano – La chiesa parrocchiale di Marischio è stata sanificata e questa mattina, domenica, si torna a celebrare la Santa Messa festiva, come sempre. Sarà il vescovo, Francesco Massara, a salire in paese insieme a don Vincenzo Bracci, monaco silvestrino, priore dello storico luogo dove è sepolto San Silvestro, a pochi chilometri da Fabriano. Sarà il religioso a guidare la parrocchia di San Sebastiano dopo la rimozione di don Gino Pierosara, decisa dal presule, a seguito di quando accaduto domenica scorsa. All’interno della chiesa, infatti, si ritrovò un gruppo numeroso di no-vax, rigorosamente senza mascherina, così come descritto da un video pubblicato su facebook da Roberto Petrella, medico ginecologo radiato dall’Ordine dei Medici nel 2019 che ha preso parte a questa riunione insieme ad altre persone, compresi alcuni sacerdoti. Oggi, quindi, è il giorno del ritorno alla normalità per il paese che è stato oggetto di un’attenzione mediatica importante. Sarà il vescovo diocesano, Francesco Massara, a celebrare la Messa. Si è già rivolto ai fedeli, non solo della frazione, per lanciare un messaggio di serenità. “Molti mi hanno scritto perchè sono rimasti male di quanto accaduto. Rispetto le opinioni di ciascuno, ma la vita degli altri non va messa a repentaglio. Adesso è il momento della serenità e del ritorno alla vita di tutti i giorni anche in questa comunità che ha bisogno di pace e unità. Voglio tranquillizzare tutti. Si cammina, si va avanti, aiutandoci l’un l’altro. E’ stata effettuata la sanificazione di tutti i locali con una ditta specializzata. Domani (oggi, ndr) andrò io a celebrare la Santa Messa. Pregheremo insieme perché torni la serenità”. In paese c’è dispiacere e amarezza per come sono andate le cose. Diversi parrocchiani guardano il lato positivo di un sacerdote, conosciuto e stimato, che nella sua attività pastorale, non solo a Marischio, ma anche ad Albacina, in precedenza, e a Fabriano città, ha comunque sempre aiutato le persone in difficoltà ed è stato presente nei momenti in cui molti chiedevano a lui aiuto.

m.a.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy