IL “GIRO D’ITALIA” DEL CICLOTURISMO A FRASASSI

Il territorio di Genga ha ospitato giovedì scorso la 6° tappa della manifestazione ciclistica Napoli-Firenze: percorso ciclo-turistico non agonistico volto ad unire la passione per il ciclismo e il turismo sostenibile. La pedalata è partita dal borgo di Genga diretta verso Gradara alla presenza del Sindaco Marco Filipponi, Vicesindaco David Bruffa e del senatore Michelino Davico. Si tratta di una iniziativa unica, che nel 2021 si è concretizzato in un progetto in piena sintonia con le grandi celebrazioni nate intorno ai 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. L’intenzione è stata quella di dare vita ad un percorso che, di tappa in tappa, va a scoprire luoghi noti ed altri inediti celebrati dal Sommo poeta, a cui ha riservato la sua attenzione o i suoi versi, che hanno conosciuto la sua presenza storica o quella di qualche personaggio da lui immortalato nell’eleganza delle sue opere letterarie.

«Il territorio di Frasassi è il luogo più consono e più suggestivo per praticare il bike tourism – commenta il Vicesindaco e assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Genga, prof. David Bruffa – Questa manifestazione non fa che sottolineare quanto i nostri scorci siano lo scenario più adatto a questo tipo di manifestazioni. Ma anche i luoghi d’arte, i beni monumentali disseminati nel territorio di Genga-Frasassi, rientrano nello sfondo paesaggistico di cui si può godere durante l’attraversamento della Gola. La nostra Amministrazione, fin dall’inizio del proprio mandato, ha subito posto un accento particolare sul tema del turismo sostenibile. Ed è per questo motivo che siamo lieti di poter dare il nostro pieno supporto ad un’iniziativa sportiva di carattere amatoriale che si sposa con la nostra visione di green tourism». L’iniziativa coinvolge un centinaio di persone (70 ciclisti e 25 di staff) provenienti da tutta Italia. Grazie al suo prestigio ha ottenuto il patrocinio delle massime istituzioni amministrative e culturali del Paese e si avvale dell’assistenza della Polizia di Stato, il tutto sotto l’egida della Federazione ciclistica italiana e del CONI. (cs)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy