Fabriano ricorda la preside Piera Picchi e il primario Leonardo Rossini

Il mondo della scuola saluta la preside Piera Picchi, storica figura di riferimento del mondo dell’istruzione fabrianese ed ex assessore alla Cultura della città della carta. Il decesso, a 75 anni, è avvenuto ieri, 10 agosto, e da questa mattina, mercoledì, è allestita la camera ardente presso l’obitorio dell’ospedale Profili. Sarà possibile salutarla oggi, per l’ultima volta, nel rispetto della normativa Covid-19, dalle ore 8 alle 19. Domani, invece, alle ore 9 si svolgerà il funerale della professoressa che ha seguito intere di generazioni di fabrianesi. Le esequie verranno celebrate presso la Cattedrale San Venanzio, poi la sepoltura nel cimitero cittadino di Santa Maria. I familiari non chiedono fiori, ma offerte all’Associazione che cura il Parkinson. Laureata in materie umanistiche presso l’Università la Sapienza di Roma, dopo gli anni dell’insegnamento, la professoressa Picchi è stata dirigente scolastico, per molti anni, fino alla pensione, del liceo Scientifico Volterra di Fabriano. Tre anni fa la scomparsa del marito, l’artista Franco Zingaretti, ex dipendente delle Cartiere Miliani, in servizio presso il reparto filigrane in qualità di “disegnatore filigranista” che partecipò a numerose mostre collettive sia in Italia che in altri Stati, come Austria, Germania, Usa. La preside Picchi ha avuto anche la passione per la politica. La ricorda, commosso, l’ex sindaco, Roberto Sorci: “E’ stata assessore alla Cultura, nel 1995, giunta Castagnari. Lascia un ricordo indelebile. E’ stata un personaggio di cultura di primo piano per la città che ha sempre amato. Un pensiero particolare lo ha avuto, per tutta la vita, nei confronti dei giovani. Nel corso della sua attività politica – dice Sorci – ha valorizzato il teatro Gentile, ha organizzato eventi culturali di spessore”. E’ stata anche consigliere comunale durante la giunta Santini. “La chiarezza della razionalità e il calore dell’interesse per l’altro fusi nei suoi indimenticabili insegnamenti” così la ricorda la professoressa Isabella Spurio sui social.

Lutto nel mondo della sanità

E’ morto l’ex primario di Urologia dell’ospedale Profili di Fabriano. Il dottor Leonardo Rossini se ne è andato venerdì scorso, per colpa di una malattia. L’annuncio è stato dato sui social, ad esequie avvenute, dallo storico medico di famiglia di Fabriano ed ex assessore, Giorgio Saitta. “E’ scomparso un grande urologo, una persona seria, con un gran cuore. Mancherà a tutti quelli che lo hanno conosciuto e apprezzato”. Tanti i ricordi social dei colleghi. “Una bravissima persona” ricorda il primario di Cardiologia, Pietro Scipione. “Una persona per bene” scrive l’ex direttore di Area Vasta 2, Maurizio Bevilacqua. “Persona e medico di valore” il pensiero del dottor Guido Pennoni. “Un grande chirurgo” scrive la pediatra Emanuela Bravetti.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy