AUMENTANO LE FAMIGLIE CON UN FIGLIO SOLO

Diminuiscono i residenti, aumentano le famiglie con un solo figlio e un residente su 4 ha più di 65 anni. E’ la fotografia che riguarda il Comune di Fabriano, alle prese, da tempo, da una crisi economica e lavorativa che ha provocato non poche conseguenze. Per quanto riguarda i numeri si scende ufficialmente sotto ai 30 mila abitanti, non accadeva da 20 anni. Al 31 dicembre del 2020, secondo i dati comunali, sono 29.762 i residenti, 442 in meno rispetto a 12 mesi prima quando il 2019 era stato chiuso a quota 30.204. Nel 2000 si registrò l’ultimo anno sotto ai 30mila mentre il record positivo è stato raggiunto nel 2011 quando si tocco 32.039 abitanti. A conti fatti negli ultimi 5 anni si sono persi circa 1.500 abitanti. Nel 2020 sono stati 185 i nati, 14 in più dell’anno prima, mentre i decessi sono stati 414, in aumento di 27 unità. Diminuiscono anche gli stranieri: si passa dai 3.086 del 2019 ai 2.817 del 2020. I nuclei familiari sono 13.082, in aumento quelli con un figlio solo. La città invecchia, un residente su 4 ha più di 65; gli anziani, complessivamente, sono più di 7 mila. 1.224 sono i residenti con più di 85 anni. Tra i servizi che potrebbero essere rivoluzionati con la diminuzione della popolazione che è scesa sotto alla soglia di 30 mila abitanti c’è la composizione del futuro consiglio comunale che, forse, potrebbe essere formato da 16 esponenti, tra maggioranza e opposizione e non più 25. Non è chiaro se potrebbero arrivare altre conseguenze. A pesare maggiormente, in questo quadro aggiornato grazie al lavoro dell’ufficio Anagrafe, è la crisi occupazionale che, nel corso degli anni, ha provocato una diminuzione della popolazione residente con molte persone che, una volta perso il lavoro a Fabriano, sono tornate nelle loro città di origine. Commenta il sindaco, Gabriele Santarelli: “C’è preoccupazione per una decrescita del numero degli abitanti soprattutto perchè il dato viene associato alla perdita di servizi che però non sono affatto nè collegati, nè in vista”. Il primo cittadino monitora l’andamento demografico di altre città sia marchigiane che non. “Il fenomeno della diminuzione di abitanti è diffusa e dipende principalmente dal rapporto negativo tra natalità e mortalità. C’è infatti anche un altro dato interessante che ci aiuta in queste analisi: l’andamento del numero delle famiglie. Il numero delle famiglie è aumentato, ma è diminuito il numero medio di figli a famiglia. Credo, seppur sia giusto guardare in casa, sia importante fare anche questo tipo di analisi più ampia altrimenti non si individuano le cause e si sbagliano gli interventi in grado di invertire o comunque rallentare il fenomeno”. Con il calo dei residenti restano 8 le farmacie aperte sul territorio comunale (7 in città e una ad Albacina) e si preclude la possibilità di poter aprire altre due. Il comune di Fabriano con deliberazione di Giunta dell’aprile 2012, istituì dunque due nuove Farmacie da aprire nelle frazioni, ma il bando andò deserto e non ci si riprovò negli anni successivi. Con l’ultima revisione in base al numero degli abitanti, di conseguenza, resteranno 8 le farmacie operanti sul territorio.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy