IL SERVIZIO MENSA SPOSTATO A FINE TURNO, LA RABBIA DEGLI OPERAI

di Marco Antonini

Fabriano – Whirlpool: dopo le ferie estive anticipate tra metà giugno e inizio luglio e comunicate agli operai solo pochi giorni fa, arriva l’emergenza mensa. Il servizio, presso lo stabilimento di Melano-Marischio, nel Fabrianese, infatti, viene posticipato a fine turno e non durante il servizio. Chi effettua orario mattutino, quindi dalle 6 alle 14, va a pranzo alle 13,30 e non poco prima di mezzogiorno come sempre si è fatto. Stesso discorso per il turno serale, quello dalle 14 alle 22, con la cena servita alle 21,30. Potrebbe essere il primo passo per smantellare la cucina già in difficoltà. “Mangiare alla fine del lavoro – riferiscono le tute blu – è complicato non solo perché la pausa è fisiologica dopo ore di duro lavoro in fabbrica, ma perché a quel punto conviene andare a casa e cucinarsi qualcosa”. La decisione, quindi, potrebbe portare a conseguenze ben più gravi. “Se una parte degli operai rinuncia alla mensa – dicono i sindacati – l’azienda è facilitata a chiudere il servizio per razionalizzare i costi”.

L’auspicio è che si possa tornare a lavorare serenamente in uno stabilimento a cui tutti gli operai, di ieri e di oggi, sono affezionati. “Solo chi lavora da tempo in fabbrica – concludono gli operai – sa cosa vuol dire lavorare sette ore e mezza senza paura pranzo, al caldo, in mezzo al rumore, con ritmi pesanti. Speriamo in un ripensamento da parte di Whirlpool”. Nei giorni scorsi, intanto, ci sono stati anche 30 minuti di sciopero, per ciascun turno, per protestare contro le continue modifiche all’orario di lavoro hanno portato le Rsu del sito produttivo a prendere questa decisione. Buone notizie, intanto, arrivano dal fronte degli esuberi degli operai grazie a un aumento della produzione dovuto a riconquista di quote di mercato da parte della multinazionale. Continua, invece, a rimanere alta l’attenzione sui colletti bianchi della sede centrale di Fabriano. Riguardo gli impiegati della sede centrale Whirlpool si naviga a vista dopo le decisioni della multinazionale di spostare alcune funzioni in Polonia. I sindacati hanno chiesto un confronto al Ministero, ma al momento non c’è ancora una data ufficiale.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy