LITIGA CON I GENITORI E DORME NELL’ALFA RUBATA, DENUNCIATO UN FABRIANESE

Trasforma, per due notti, una macchina rubata nella sua abitazione provvisoria, ma è stato scoperto di carabinieri che l’hanno denunciato per furto. Protagonista un giovane di 20 anni di Fabriano, disoccupato, che giovedì scorso, 4 gennaio, dopo l’ennesima litigata con i genitori, sbatte la porte e decide di andare via di casa. Padre e madre non si sono opposti, visti i continui problemi in casa. Il ragazzo, prima di uscire, prende alcuni indumenti e un sacco a pelo. Poi, lungo la strada che conduce in centro storico, trova un’Alfa 147 con le chiavi inserite. La prende e la parcheggia poco lontano. Il proprietario, quando esce dal bar, non trova più l’auto e chiama i carabinieri. Iniziano una serie di servizi in divisa e in borghese nella speranza di ritrovarla. Due giorni, dopo, sabato 6 gennaio, i militari di Fabriano ritrovano il mezzo parcheggiato al “Torrione”, in prossimità del centro storico. I carabinieri attendono mezz’ora e bloccano il giovane che, dopo una camminata a piedi, stava rientrando in auto. Lui stesso, alle forze dell’ordine, ha ammesso di averla presa per dormire. Nel portabagagli, infatti, c’erano i suoi vestiti e il sacco a pelo. E’ stato denunciato per furto.

m.a.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy