UNIVERSITÀ DEI CARTAI E LA MADDALENA DEL GENTILESCHI

Fabriano vanta all’interno della Chiesa di Santa Maria Maddalena, sede dell’Università dei Cartai, un olio su tela di notevoli dimensioni e di rara bellezza, frutto del talento artistico di Orazio Lomi detto il Gentileschi. Nel 1557 la chiesetta divenne sede della Università dei Cartai che fu posta sotto la protezione di S.Maria Maddalena, per un miracolo operato dalla Santa nel salvare un operaio moribondo. Secondo l’agiografia, figura emblematica della peccatrice pentita che terminò i suoi giorni in una grotta nei pressi di Marsiglia. La Maddalena è raffigurata in lacrime mentre contempla il crocifisso con il teschio simbolo della mortalità, in basso il vasetto degli unguenti. Il dipinto è considerato la prima opera del Gentileschi nel suo periodo marchigiano, 1615, che seguì l’esilio da Roma dopo le vicende infelici legate allo stupro subito da sua figlia Artemisia ad opera del collega Agostino Tassi. Al tempo la potente Università dei Cartai era affiliata all’Arciconfraternita di Santo Spirito in Sassia in Roma, nei pressi della quale viveva l’artista. La commissione del Gentileschi fu forse dovuta alla mediazione dell’illustre prelato Pietro Campori vicino all’ambiente di papa Paolo V Borghese, che aveva visto l’artista all’opera negli affreschi del Quirinale. L’ambientazione en plein air entro una natura selvaggia ed aspra tra varie ramificazioni rappresentate con meticolosità e dettaglio naturalistico, in una luce ferma e fredda, enfatizza la sofferenza penitenziale. In piena sintonia con il linguaggio della Controriforma, Maria Maddalena viene rappresentata con la folta chioma disciolta, la fronte corrugata e le guance rigate dal pentimento, con una veste di color rosso intenso che spicca dal chiaroscuro.

Francesco Fantini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy