MULTATA ALL’OBITORIO, PAGLIALUNGA: ‘PIU’ TOLLERANZA’

Rabbia e polemiche a seguito della multa elevata dalla polizia locale a un mezzo parcheggiato leggermente fuori le righe bianche nei pressi della camera mortuaria. La proprietaria dell’utilitaria stava vegliando il padre deceduto poche ore prima e quando è uscita dall’obitorio ha fatto la triste scoperta. “Più tolleranza, da parte degli agenti di polizia locale e degli ausiliari del traffico, nei luoghi del dolore anche se non è sempre facile per colpa della sosta selvaggia che impazza, a tutte le ore del giorno, tra l’ospedale Profili e l’obitorio cittadino”. E’ la presa di posizione dell’assessore Mario Paglialunga dopo la segnalazione, da parte di una donna, di essere stata multata vicino la camera mortuaria per aver parcheggiato la macchina leggermente fuori le righe bianche. Cristina era entrata per salutare il padre defunto per un’ultima volta e, poco dopo, ha trovato il regalo sul vetro della macchina. “Chi parcheggia all’ospedale – aveva detto – non va a divertirsi, figuriamoci coloro che lasciano la macchina davanti alla camera mortuaria. Perché fare multe in questi luoghi?” Ora le forze dell’ordine hanno optato per una linea morbida non senza difficoltà per colpa del poco rispetto delle regole. “Da tempo – ha ribadito l’assessore Paglialunga – riceviamo segnalazioni da parte degli utenti del Profili e dei residenti che in zona ospedale parcheggiare è sempre più difficile. La sosta selvaggia crea non pochi problemi e per questo ci sono periodicamente controlli, come nei confronti dei parcheggiatori abusivi. Spiace per la donna che ha preso la contravvenzione a cui faccio le più sentite condoglianze. Sicuramente gli agenti in servizio non potevano sapere che quella era la macchina della figlia del defunto”.

m.a.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy