OSPEDALE IN DIFFICOLTA’, I PROBLEMI AUMENTANO

di Marco Antonini

L’ospedale di Fabriano sempre più a rischio. Mentre in Regione si studia il nuovo Piano sanitario con l’entroterra impegnato a presentare emendamenti per l’attivazione di un’Area Vasta montana, per molti unica soluzione per permettere la sopravvivenza del Profili, il sindaco della città, Gabriele Santarelli, prende nuovamente carta e penna per scrivere al direttore di Area Vasta 2, Guidi. Pediatria, Cardiologia, Pronto Soccorso e Diabetologia i servizi nel mirino. “Credo – si legge nella missiva – che siamo arrivati al punto di caduta per quanto riguarda la situazione organizzativa dei servizi dell’ospedale di Fabriano. Sempre più allarmanti sono le notizie dei disagi che vengono registrati nei reparti e che si ripercuotono sull’attività dei professionisti e sulla qualità dei servizi resi”. Il primo cittadino interviene, a poche settimana dall’allarme per la possibile soppressione del servizio di Diabetologia di via Marconi – diversi utenti hanno proposto sui social di scendere in piazza contro la politica sanitaria marchigiana che penalizza l’entroterra – per evidenziare come “ogni emergenza viene utilizzate per ridurre il livello dei servizi. E’ successo – dichiara Santarelli – con Pediatria (ora ambulatorio poche ore al giorno) e ora con Diabetologia in funzione poche ore: anzichè affrontare i problemi si approfitta per tagliare i servizi e operare risparmi sulla pelle dei cittadini. Non è più tollerabile questa situazione soprattutto alla luce del fatto che nessuno ha il coraggio di venire a riferire in città le conseguenze delle decisioni che vengono prese lasciando sulle spalle dei sindaci tutto il peso del disservizio e della condizione di oggettivo abbandono che stiamo vivendo”.

Il direttore di Area Vasta 2, Guidi, era atteso giorni fa in consiglio comunale a Fabriano, ma per altri impegni non è andato. Ha detto, però, di essere disponibile a partecipare a una nuova seduta. Il sindaco chiede all’Asur “quali sono le intenzioni rispetto alla situazione che si sta verificando in Ortopedia che da gennaio non sarà più in grado di garantire il servizio a causa della carenza di personale (a due medici è stato dato il nulla osta per il trasferimento in Umbria), mettendo probabilmente a rischio anche l’operatività del Pronto Soccorso, e del reparto Cardiologia dove risulta che la situazione stia pericolosamente precipitando con rischio chiusura del servizio Utic causa della carenza personale che non consente la copertura h24”. Il sindaco chiede che nella prossima conferenza dei sindaci di Area Vasta sia portato in esame il Piano dei fabbisogni sanitari Asur.

Riapre parzialmente il Centro antidiabetico di Fabriano. Il Distretto sanitario della città della carta, con sede in via Brodolini, in attesa di ripristino della normale attività del servizio in via Marconi, ha organizzato un’attività provvisoria per venire incontro ai tanti malati che necessitano di questo ambulatorio. Orario ridotto, quindi, per il Centro antidiabetico che serve circa 3.000 pazienti del comprensorio. Sarà aperto lunedì e giovedì dalle 8 alle 12:30, per visite, per iscrizioni e rinnovi dei piani terapeutici. Sarà aperto tutte le mattine, dal lunedì al venerdì, dalle 12:30 alle 13:30, solo per rinnovi piani terapeutici e prescrizione materiale. Il servizio è stato chiuso recentemente per mancanza di personale dopo che l’ultimo è unico medico in servizio è andato a lavorare altrove.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy