STRONCATO TRAFFICO DI AUTOVETTURE D’EPOCA: 2 ARRESTI

Da tempo i militari della Stazione di Moie di Maiolati Spontini hanno messo in atto un programma di controllo del territorio tale da consentirgli di passare al setaccio situazioni o soggetti legati al mondo della criminalità. Da qualche giorno i militari si erano accorti che nella frazione di Castelbellino circolavano soggetti discutibili, tanto da mettere in atto mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo, con il supporto del Nucleo Operativo della Compagnia di Jesi. Lunedì mattina, nell’ambito di tali servizi i militari notato una cosa curiosa: un autocarro di una società di spedizioni si spostava in continuazione come se stesse facendo delle consegne. I conti, però, non ritornavano dato che di domenica nessuna società di spedizioni effettua consegne. I militari, quindi, si appostano e dopo qualche minuto vedono ripartire l’autocarro, che bloccano dopo qualche minuto. Dai primi controlli emerge la presenza di un carico particolare: una Fiat 500 d’epoca di colore ocra ed una Mountain Bike di elevato valore commerciale. Da successivi accertamenti i militari scoprono che l’autovettura, come la bicicletta, era stata rubata a Recanati nella serata del giorno precedente.Di fronte a tanto, i carabinieri conducono i due occupanti l’autocarro (un tunisino di 37 anni ed un romeno di 38, entrambi residenti a Torino) in caserma per approfondire gli accertamenti. Nel corso di tale attività i militari scoprono che i due erano venuti in zona al solo scopo di prelevare l’autovettura e di condurla a Torino, ove, evidentemente, vi era già un acquirente. Stante gli elementi raccolti, i due stranieri vengono arrestati per ricettazione in concorso e trattenuti presso la camera di sicurezza di questo comando, in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Ora i carabinieri della Stazione di Moie e del Nucleo Operativo approfondiranno gli accertamenti per risalire alla banda, probabilmente specializzata, dedita ai furti di autovetture d’epoca.

cs

Nella foto la Fiat 500 che era stata caricata sull’autocarro

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy