DIGNITA’ PER IL CENTRO DIURNO ‘UN MONDO A COLORI’ DI FABRIANO

Sono giorni molto tristi per le 19 famiglie che hanno i loro figli, fratelli e sorelle affetti da disabilità grave, ospiti presso il Centro diurno “Un mondo a colori” a Fabriano. Con una lettera recapitata a mano lunedì 4 gennaio veniamo avvertiti che da giovedì 7 gennaio ci sarebbero state delle novità nella gestione del Centro. Nel dettaglio:
– via i moduli pomeridiani (dalle 16 alle 18) nei quali alcuni ragazzi, potevano usufruire del centro
– retta fissata a 12 euro al giorno per una media mensile di 250 euro a fronte degli attuali 120-130; la retta si paga (compreso il costo del pranzo) anche se l’utente è malato e non può frequentare la struttura, per “tenere” il posto
– diminuzione delle ore a disposizione degli educatori e degli operatori socio-sanitari con conseguente diminuzione o annientamento dei laboratori socio-riabilitativi.
In più – spiegano dalla struttura – abbiamo saputo:
– licenziamento della bidella
– mancato rinnovo del contratto a 2 educatori a tempo determinato
– rivoluzione nei trasporti e conseguente diminuzione delle ore di lavoro per autista e accompagnatore sul pulmino
– ricorso alla Croce Azzurra per il completamento dei servizi di trasporto
– diminuzione drastica degli stipendi degli operatori del Centro
“Tutto questo, ci dicono, per l’applicazione di una delibera regionale, la 1331/2014. E’ certo, che il tecnico estensore della delibera, non si è mai confrontato con il mondo dell’handicap e che i politici che l’hanno votata ed accolta sono sullo stesso livello. “Un mondo a colori” si chiama il Centro, temiamo che il mondo in cui ci troveremo a vivere, noi famiglie che ci confrontiamo giornalmente con difficoltà burocratiche, tagli sistematici all’assistenza, mentalità gretta di molti che pensano che visto che prende “l’accompagno”, l’handicappato è una risorsa economica per la famiglia, dicevamo, temiamo che il mondo che ci aspetta sia di nuovo un mondo in bianco e nero. Al governatore delle Marche Luca Ceriscioli, al sindaco Giancarlo Sagramola, all’assessore ai servizi sociali, Giorgio Saitta, al coordinatore d’ambito Lamberto Pellegrini, ai funzionari comunali e regionali, al personale dell’UMEA, rivolgiamo un caloroso appello affinchè si rivaluti la situazione. Vedremo cosa sarà fatto. Intanto oggi, lunedì 11 gennaio, siamo convocati alle 19 per un incontro con l’amministrazione comunale. 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy