PENDOLARI FABRIANESI ALLE PRESE CON FREDDO, ACQUA E RITARDI

Le ultime dal mondo pendolare. Treni regionali troppo freddi per colpa dell’aria condizionata accesa anche quando non serve. “Peccato che d’estate è troppo caldo nei vagoni – hanno denunciato settimane fa i pendolari fabrianesi – mentre per alcune sere era freddo anche indossando il giacchetto. Alle lamentele il capotreno ha risposto che la temperatura era gradevole.” Protestano i viaggiatori che devono fare i conti non solo con il ritardo dei mezzi e con la sporcizia sui sedili ma anche con l’abbassamento della temperatura. Alcuni pendolari, tramite Facebook, hanno il disservizio su diversi treni in partenza da Fabriano o da Ancona. Anche oggi polemiche lungo i binari stavolta per colpa del maltempo. “L’intercity del mattino diretto a Roma – dichiarano alcuni – ha accumulato più di 30 minuti di ritardo. Ogni giorno c’è un motivo che provoca questi continui ritardi.” Analoga situazione lungo la tratta Fabriano-Civitanova. La prima ondata vera e propria di maltempo di questo autunno ha messo in ginocchio non solo gli automobilisti ma anche i pendolari visto che oltre ai treni regionali era in ritardo anche l’unico Frecciabianca diretto nella Capitale che ha accumulato ben 42 minuti di ritardo. I viaggiatori sono stati costretti a improvvisi cambi di programma e di scarpe viste le precarie condizioni del parcheggio di via Ferranti già parzialmente allagato martedì sera con la prima pioggia caduta sulla città.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy