Botta e risposta Ciccioli (FDI) e Monacelli (PD) dopo il sit-in alla stazione di Fabriano

Fabriano – Botta e risposta, dopo il sit in del PD di venerdì, (foto), alla stazione ferroviaria di Fabriano, tra il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Carlo Ciccioli e il Partito Democratico di Fabriano. Di seguito le due posizioni.

Ciccioli (FDI)

“Dal Pd ci saremmo attesi ben altre prese di posizione, visto il loro peccato originale atavico in tema di gap infrastrutturale delle Marche. Invece, si accontentano di organizzare presidi come quello di ieri a Fabriano, dove non fanno mai mea culpa per gli oltre 30 anni passati invano sotto i loro Governi nazionali e regionali. Ma, purtroppo, nel Dna della Sinistra c’è solo il dito puntato e mai una proposta originale o la ricerca di una soluzione. I fatti sono chiari: dal Governo nazionale a quello Regionale si ha un’unità di intenti nel portare a compimento lo strategico raddoppio della tratta ferroviaria Orte-Falconara. Alcuni lotti finanziati con risorse ordinarie e altri legati al Pnrr. Esiste un’interlocuzione con l’Europa per una rimodulazione delle scadenze legate al Pnrr, viste le imprevedibili problematiche legate all’energia, al costo delle materie prime e al conflitto Russo-Ucraino. Questo è l’atteggiamento giusto, non quello del Pd che mira sempre e solo allo sfascio. Di certo, il Governo presieduto da Giorgia Meloni e la Regione presieduta da Francesco Acquaroli sono impegnati fortemente per le Marche e il recupero del gap infrastrutturale. Tanti i cantieri che in meno di 3 anni abbiamo sbloccato, dopo decenni di inerzia della sinistra. E, il Pd, consapevole nell’angolo nel quale avevano relegato la Regione, si trova ora spiazzato, scegliendo di fare il tifo contro le Marche. Invece di attivarsi con i loro rappresentanti europei, governano loro (speriamo ancora per poco), per fare in modo che gli interessi dell’Italia e, quindi, delle Marche, possano essere centrati”. Queste le dichiarazioni del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli, in replica al sit-in organizzato venerdì a Fabriano.

Monacelli (PD)

La replica del circolo fabrianese del PD non si è fatta attendere. “Fino a prova contraria l’inviduazione delle ferrovie diagonali appenniniche, come la Orte-Falconara, e il loro finanziamento con il Pnrr l’hanno fatto i governi Conte II e Draghi, sostenuti dal Pd e osteggiati in ogni modo da Fd’I, a proposito di chi ha fatto sempre e solo tifo contro. FdI si è sempre opposto e non avrebbe mai ottenuto le risorse del Pnnr in Europa. Non solo, appena arrivato al Governo ha prodotto sul tema solo ritardi e confusione, compromettendo – come nel caso della Orte-Falconara – l’attuazione di numerosi interventi.  Il centrosinistra al governo della Regione Marche ha prodotto la terza corsia dell’A14, l’attuazione del progetto Quadrilatero e l’elettrificazione della Ascoli-Porto d’Ascoli e della Albacina-Civitanova Marche. Aspettiamo il consuntivo dell’amministrazione Acquaroli. Finora  – prosegue la nota del PD a firma del segretario, Graziella Monacelli – dal centrodestra abbiamo visto solo annunci, masteplan e tanta propaganda, ma neppure un Km di strada realizzata, che non dipendesse dalle precedenti programmazioni. Dopo aver escluso dal Pnrr la Orte-Falconara per finanziarla con risorse ordinarie, con un maggiore aggravio per le casse pubbliche, vogliamo almeno sperare che essa venga finanziata integralmente e realizzata in tempi certi. A partire dal tratto Foligno-Fabriano. Ma di questo, vista l’insipenza di chi ci governa – conclude Monacelli – non possiamo essere certi”.

m.a.