PalaGuerrieri, l’ex sindaco: “Mutuo scelta incomprensibile”

Dopo la presentazione del progetto di ristrutturazione del PalaGuerrieri chiuso da due anni, interviene l’ex sindaco, Gabriele Santarelli, che nel 2021 aveva chiuso la struttura. L’ex primo cittadino fa i i soldi per intervenire ci sono e non servirebbe un nuovo mutuo. Il lavoro, infatti, che dovrebbe durare almeno un anno, costerà 3,6 milioni di euro più oneri. “Indebitare ulteriormente il Comune di Fabriano accendendo un altro mutuo è una scelta incomprensibile e rischiosa. Nell’immediato consente di placare i malumori che già ora, a meno di un anno dall’insediamento della nuova Giunta, iniziano a farsi sentire” attacca Santarelli che mette in guardia. “In un periodo storico dove l’incertezza legata all’aumento dei tassi e dell’energia non lasciano spazio alla programmazione a lungo termine, bisognerebbe utilizzare il principio della precauzione: questa scelta potrebbe avere delle conseguenze molto pesanti sul bilancio e sulla capacità dell’Ente di sostenere le spese per i servizi negli anni futuri”. L’ex sindaco spiega: “Il Consuntivo approvato nel 2022 certificava un avanzo disponibile di 7 milioni di euro, risorse che erano state sacrificate ad altri investimenti per il Palazzetto. Nel 2021 avremmo potuto, ad esempio, mettere a disposizione degli aiuti alle attività commerciali danneggiate dal Covid un milione di euro che invece scegliemmo di ridurre a 400mila euro. E’ chiaro – prosegue – che l’aumento del costo dell’energia potrebbe aver inciso sull’accantonamento, ma nessun intervento, nè progetto, sono stati fatti per ridurre la spesa preferendo intervenire con lavori che portano consenso e visibilità”. Santarelli ha così ricordato l’intervento sulla pubblica illuminazione che ha portato nel 2022 a un risparmio di un milione di euro. “Fino a pochi mesi fa, per nascondere il fallimento del primo bilancio di previsione della giunta Ghergo, raccontavano la menzogna di aver trovato una situazione di pre-dissesto, ora decidono di indebitare ulteriormente il Comune” conclude. A replicare è il consigliere di maggioranza, Paolo Paladini, PD: “Pontificare dopo aver privato la città di un impianto essenziale per lo sport e della struttura più idonea per fronteggiare eventuali calamità ha dell’incredibile. E’ solo grazie all’impegno indefesso e quotidiano di questa amministrazione che sarà possibile immaginare una nuova fruizione del PalaGuerrieri con una tempistica certa e non biblica”. Lorenzo Armezzani, minoranza, Fabriano Progressista: “Che idee ha il sindaco Ghergo per la struttura? Spazio polivalente per concerti, spettacoli, conferenze o solo struttura sportiva?”.

Marco Antonini