Fabriano – Muffa in classe, prende posizione il Dirigente scolastico: “Agli atti 4 PEC”

Fabriano – La dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Aldo Moro di Fabriano, professoressa Stefania Venturi, prende le distanze da quanto dichiarato dal sindaco, Daniela Ghergo, circa la mancanza di comunicazione in materia di “muffa e infiltrazioni in classe” come inizialmente denunciato dal consigliere Danilo Silvi, FdI, che ha visto poi replicare il primo cittadino. La dirigente, quindi, respinge al mittente quanto evidenziato dal sindaco che precisava che “nessuna comunicazione, dalla scuola, era arrivata in Comune”.

La nota del preside Venturi 

Si precisa quanto segue: sono agli atti di questa istituzione scolastica le segnalazioni presentate all’Ente Comunale negli ultimi due mesi in relazione ai problemi di infiltrazioni riscontrati alla scuola Primaria Aldo Moro, in particolare:
– PEC in data 05/10/2022
– PEC in data 16/09/2022
– PEC in data 14/09/2022
– PEC in data 09/09/2022
Le segnalazioni trasmesse al Comune, ci sono state anche negli anni passati, poiché il problema delle infiltrazioni al tetto della scuola primaria è annoso. Sono agli atti della scuola, puntualmente e ripetutamente trasmesse al Comune; non sarà difficile produrle in caso di necessità. Da ultimo, nell’incontro con il Sindaco e l’Assessore ai servizi educativi del 12 ottobre scorso, tra le altre problematiche è stato riportato il problema delle infiltrazioni all’attenzione dell’ente comunale specificando che i lavori fatti al tetto della scuola nel 2020 non erano stati risolutivi. Contrariamente anche questo, a quanto riportato nell’articolo. Si precisa altresì che la mail di cui si parla, ricevuta alle 16.50 di mercoledì, non è stata inviata dalla scuola. Alla luce di quanto esposto si esige la rettifica delle informazioni per cui non ci sarebbe stata alcuna comunicazione da parte della scuola IC Aldo Moro. Tanto si rende necessario poiché così risulta fortemente danneggiata l’immagine della scuola da me diretta, nonché viene lesa la professionalità e la correttezza della scrivente.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy