In evidenza

“Non sarò io il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, vi spiego perchè”

Fabriano – “Non sarò io il candidato a sindaco di Fabriano per il Movimento 5 Stelle”. Oggi, in conferenza stampa, un sindaco commosso ha ufficializzato che non si ricandiderà per il secondo mandato e ha lanciato un appello a giovani e non affinchè si facciano avanti nel portare linfa nuova nel gruppo che si presenterà con una lista alle elezioni comunali di giugno. Gabriele Santarelli ha scelto il primo di aprile per annunciare di aver deciso di “pensare alla famiglia dopo 5 anni impegnativi”, ma anche di “essere nella lista M5S”. Al gruppo pentastellato l’idea era stata già detta più di un anno fa. Con un pizzico di emozione ha spiegato il perché del suo passo indietro. “Quando faccio le cose, le faccio per bene. Il momento della pandemia mi ha fatto riflettere molto sulle mie priorità. Ho scelto la famiglia, i miei figli che sono piccoli e hanno bisogno di me. Ho messo cinque anni a disposizione della comunità, ora scelgo la mia famiglia. Sono motivazioni assolutamente personali” dice Santarelli.

Il primo cittadino lancia un appello: “Vogliamo essere presenti come Movimento 5 Stelle nella competizione del 12 giugno per evitare il ritorno della restaurazione e anche stavolta eviteremo compromessi. Siamo pronti a dar vita a una lista per competere al meglio come accaduto nel 2017. Siamo consapevoli che sarà più difficile visto che nel 2017 venivamo da 5 anni di opposizione, nei quali avevamo fatto un bel lavoro. Ora ci presenteremo con un programma di governo di 5 anni, nei quali abbiamo realizzato tanto, con luci e ombre. Stiamo preparando – precisa – la relazione di fine mandato, ripercorrendo i punti del nostro programma. Abbiamo lavorato tanto nonostante siamo in ritardo di un anno e mezzo sulla tabella di marcia causa emergenza sanitaria”. Santarelli, alla presenza degli assessori Scaloni, Di Maio e Arcioni, della presidente del Consiglio, Tobaldi e dei consiglieri comunali Santarelli e Romani, si è rivolto alla cittadinanza, “a tutti coloro che hanno apprezzato ciò che abbiamo realizzato”, per evitare che “i risultati che si sono ottenuti possano essere resi vani dal ritorno di restaurazione in atto”. Per questo “ci rivolgiamo a tutti coloro che vogliono essere al nostro fianco per proseguire nel nostro buon governo e non tornare indietro. Non siamo bravi come gli altri e andare casa per casa per cercare candidati, organizzare eventi e proporre candidature. Noi preferiamo le candidature spontanee, magari dei giovani”. Il gruppo M5S dopo la formazione della lista sceglierà il candidato sindaco. Tra i temi che entreranno nuovamente nella campagna elettorale pentastellata ci sono: parità di accesso ai servizi, ambiente, parità di genere, rispetto diversità, integrazione per “una visione di città che guarda sempre al futuro, senza prendere in giro nessuno”. In riferimento a questi anni di amministrazione, dove una parte di energia è andata per affrontare la pandemia, dice: “Fabriano è stata gestita per 5 anni da un’Amministrazione che non ha avuto capi esterni, se non il gruppo, la squadra. Siamo stati completamente indipendenti con ostacoli vari, alcuni dei quali posizionati anche da alcuni dipendenti. Questa situazione che abbiamo portato non viene accolta da tutti favorevolmente e quindi il tentativo è quello di ritornare al passato”.

Marco Antonini