Parrocchia Santa Maria in Campo, una targa per ricordare don Alfredo Zuccatosta

Fabriano – Giovedì 22 luglio nella Parrocchia di Santa Maria in Campo si sono radunate molte persone, rispettando le normative Covid-19, per celebrare la Messa in memoria di Don Alfredo Zuccatosta, recentemente scomparso per colpa del coronavirus. Oltre nel ricordare la nipote di don Alfredo, Alessia Rossini, di cui ricorreva l’anniversario, per tanti anni organista della medesima comunità ecclesiale, il parroco don Gabriele Trombetti con don Lorenzo Sena e don Luigi Forotti, ha elevato una preghiera di suffragio per l’ex parroco di Santa Maria. “Il Covid-19 purtroppo l’ha tolto troppo presto all’affetto dei suoi cari e dei molti attuali e precedenti parrocchiani” ha detto don Gabriele. Le parole del parroco hanno sottolineato come Don Alfredo “ha saputo valorizzare la parrocchia della periferia fabrianese nell’arte, nella musica e nella liturgia ma soprattutto donandole un centro parrocchiale denominato “Il tesoro nel campo” atto all’aggregazione sociale, alla catechesi e all’animazione della gioventù”.

Tale centro pastorale è stato a lui dedicato con la benedizione di una targa commemorativa offerta da Marco Bondoni dell’omonimo gruppo Bondoni, la cui Casa del Commiato, Infinitum, si trova in via Nenni, nel territorio della parrocchia. Il supporto della targa è stato eseguito da Carlo e Luca valenti fabbri del comprensorio, nonché organista e cantore del coro parrocchiale. Il vaso di fiori è stato offerto dal vivaio La Rosa di Fabriano.

“Ora spetta alla parrocchia di Santa Maria onorare la memoria del proprio parroco, ripartendo dopo la pandemia, con una pastorale di Chiesa in uscita: secondo le indicazioni di Papa Francesco” ha commentato don Gabriele Trombetti. Al termine della cerimonia la sorella di don Alfredo, Rita Zuccatosta, ha espresso con parole brevi ma profonde la gratitudine per la vicinanza delle tante persone alla loro tragedia familiare.

m.a.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy