CASE POPOLARI, A CERRETO D’ESI NUOVO BANDO 14 ANNI DOPO

Cerreto d’Esi – Aumentano le famiglie in difficoltà: dopo 14 anni l’Amministrazione comunale di Cerreto d’Esi mette mano alle case popolari. E’ stato, infatti, pubblicato il bando di concorso per la formazione della graduatoria degli aspiranti all’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica. L’obiettivo è quello di recuperare quanto prima e assegnare diverse abitazioni del Comune che si trovano in primis nel centro storico, al Castello, e non è escluso, in futuro, un intervento di Erap per eventuali nuove costruzioni anche se l’idea è quella di andare a iniziare con le case esistenti. Una misura rivolta a tutti i cerretesi che risultano in emergenza abitativa e che necessitano di un alloggio di dimensioni idonee alle esigenze del proprio nucleo familiare ad un canone di locazione inferiore a quello del mercato degli affitti. Sarà possibile presentare la domanda entro il 20 maggio. “Sin dai primi giorni di Amministrazione, confrontandoci con l’assistente sociale e con gli uffici – dice il vicesindaco, Michela Bellomaria – abbiamo maturato la consapevolezza di come nel nostro Comune ci sia un drammatico numero di famiglie con gravi difficoltà economiche e disagio sociale, con una conseguente forte emergenza abitativa. Abbiamo lavorato subito per dare una risposta strutturale a questo disagio imperante. Il Tavolo delle povertà, che la Giunta ha voluto riattivare, ha giocato un ruolo fondamentale: nelle riunioni periodiche tra le associazioni di volontariato, l’Ambito 10, la parrocchia, i servizi sociali, l’assistente sociale, la criticità abitativa è subito risultata una delle emergenze più incalzanti e preoccupanti”. La prima fase del progetto, già avviata, è quella dell’individuazione e della quantificazione del bisogno a 14 anni dall’ultimo intervento del genere. In mezzo la crisi con l’arrivo di problemi economici, sociali ed occupazionali che hanno cambiato la fisionomia di tutto l’entroterra.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy