Isolata nell’entroterra anche la variante inglese, attualmente positivi e quarantene

Isolato anche il primo caso ufficiale di “variante inglese” a Cerreto D’Esi. A due settimane precise dall’annuncio del sindaco, David Grillini, circa il primo caso di variante brasiliana ecco la nuova conferma da parte dell’Asur. Nella piccola cittadina c’è preoccupazione. Sono 56 gli attualmente positivi e 96 le persone in isolamento e/o quarantena con sviluppo di contagi in ambito familiare con interi nuclei completamente coinvolti. Sabato scorso i positivi erano 32 (in sette giorni +24) e le quarantene 73 (in una settimana +23). “Questa comunicazione – dice il primo cittadino – purtroppo, non è risultata del tutto inaspettata. Come Comune – prosegue – avevamo anticipato alcuni provvedimenti, come la chiusura dei parchi e di tutte le aree verdi comunali. In provincia questa misura è stata adottata solo da Cerreto d’ Esi e dagli altri Comuni del nostro Ambito 10”. Con la zona rossa e il nuovo Dpcm entrato in vigore sono chiuse tutte le scuole. “L’istituto comprensivo “Italo Carloni” – precisa il sindaco Grillini – nonostante l’alta incidenza del virus sulla popolazione totale del Comune, aveva retto: da diversi mesi non si registrano casi nè quarantene all’interno. Dunque non era possibile, nè necessario, applicare le linee guida inserite nel protocollo di gestione dei focolai nelle scuole, messo a punto da Asur”. Il sindaco raccomanda di evitare tutti quei contatti non necessari. Anche la lista civica “Cerreto d’Esi Bene Comune” si appella alla popolazione: “Raccomandiamo la massima prudenza, per noi stessi, per gli altri e per evitare di saturare gli ospedali”.

Situazione in miglioramento a Sassoferrato. “Dal primo gennaio – dice il sindaco, Maurizio Greci – ci sono stati 181 guariti, di cui 84 nell’ultima settimana e 280 i nuovi casi”. Gli attualmente positivi sono 119 (-25, erano 144 sabato scorso) e in isolamento 217 persone (-86, erano 303 una settimana fa). 26 gli attualmente positivi a Serra San Quirico (erano 12 sabato scorso). Diminuiscono a Genga: si scende dai 21 casi a 14 di ieri. Guarito il sindaco, Marco Filipponi. I dati sono aggiornati a ieri pomeriggio, tramite sito Regione Marche.

Qui Fabriano

Potenziati i controlli, ormai dai giorni, anche a Fabriano dove tra casi attualmente positivi e quarantene si supera le 1.100 unità coinvolte. Tra venerdì e ieri, nell’ambito dell’attività dei controlli del territorio volti alla salvaguardia della diffusione della pandemia da Covid-19 e alla prevenzione dei reati in genere, c’è stato un servizio congiunto delle forze dell’ordine. Presenti gli uomini del Commissariato di Fabriano, insieme ai carabinieri e agli agenti della Polizia locale, con i quali è ormai consolidata un’ottima sinergia nel perseguire l’obiettivo comune della tutela della sicurezza dei cittadini. Complessivamente sono state controllate 38 persone e 25 veicoli oltre a 9 pubblici esercizi. È stato sanzionato un cittadino fabrianese per guida con patente scaduta e per altri due multa per violazione ai divieti di spostamento disposti in zona rossa senza giustificato motivo. Poliziotti, carabinieri e vigili urbani hanno effettuato poi verifiche accurate presso i pubblici esercizi sia del centro che della periferia. E’ stato riscontrato un corretto comportamento degli esercenti e della cittadinanza e un poco afflusso in genere. L’appello è quello di evitare qualsiasi movimento non indispensabile, di indossare correttamente i dispositivi di protezione, igienizzarsi le mani e mantenere il giusto distanziamento. Il consiglio è quello di contattare le forze dell’ordine quando si vedono assembramenti o movimenti sospetti. In città sono 333 gli attualmente positivi, con 788 persone in isolamento e/o quarantena. Rispetto a sabato scorso i positivi sono aumentati di 75 unità (erano 258) e rispetto a due sabati fa, il primo fine settimana dopo Carnevale, sono saliti di 162 (erano 171). Le quarantene sono aumentate, rispetto alla settimana scorsa, di 9 e rispetto a due settimane fa, sempre di sabato, di 304 (erano 484).

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy