Donatello torna a Fabriano, la statua di San Pietro Martire in Pinacoteca

E’ tornata a Fabriano la scultura raffigurante San Pietro Martire, santo domenicano vissuto nel Duecento, famoso predicatore e acerrimo nemico delle eresie, ritratto nel legno da Donatello. Questa mattina, 12 gennaio, la conferenza stampa con il Soprintendente, Dott.ssa Marta Mazza, la restauratrice Dott.ssa Anna Fulimeni, l’Assessore alla Cultura Dott.ssa Ilaria Venanzoni e il sindaco, Gabriele Santarelli. La statua (che ha un valore di un milione di euro), da sempre custodita nella chiesa di San Domenico di Fabriano, era stata tradizionalmente ritenuta fino a pochi anni fa un’opera ottocentesca, a causa delle numerose ridipinture sovrapposte nel corso dei secoli. Il primo a riconoscere la mano dello scultore fiorentino è stato Fabio Marcelli, docente di Storia dell’arte presso l’Università di Perugia, seguito da molti altri studiosi che hanno dato credito e confermato questa attribuzione, fra cui Giancarlo Gentilini, massimo esperto del tema. La scultura è stata presentata come opera certa di Donatello nella mostra “Fece di scoltura di legname e colorì. Scultura del Quattrocento in legno dipinto a Firenze”, tenutasi a Firenze dal 22 marzo 2016 al 28 agosto 2016 e curata da Alfredo Bellandi. Il San Pietro, ritenuto inizialmente di proprietà della Diocesi di Fabriano, è stato successivamente identificato come opera di proprietà del Fondo per gli Edifici di Culto (Ministero dell’Interno), ma in consegna al Comune di Fabriano. Il riconoscimento è stato possibile sulla base di un verbale, redatto in seguito alla soppressione degli ordini religiosi del 1866 e recentemente ritrovato negli archivi del Ministero dell’Interno. L’opera versava in uno stato di forte degrado, poiché alterata da cadute di colore e da verniciature realizzate negli anni, ma dopo il restauro, condotto da Anna Fulimeni sotto la direzione scientifica di Pierluigi Moriconi, storico dell’arte della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche, è ritornata a una vivace cromia e al suo aspetto originario, decisamente diverso da quello cui i fabrianesi erano abituati. Si tratta, dunque, dell’unica opera di Donatello attualmente presente nelle Marche, qualificata da un potente naturalismo, nel quale dialogano l’intaglio e il colore, coerentemente con i valori espressivi del Quattrocento fiorentino. La statua, grazie all’impegno congiunto del Ministero dell’Interno-Prefettura di Ancona, della Soprintendenza e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Fabriano, sarà collocata presso la Pinacoteca civica “Bruno Molajoli” di Fabriano, che è stata recentemente riallestita e ospita una ricca e prestigiosa collezione di arte medievale, moderna e contemporanea. (cs)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy