UN’ALTRA CLASSE IN QUARANTENA. POTENZIATI I CONTROLLI DEI CARABINIERI

di Marco Antonini

Fabriano – Emergenza covid. Un’altra classe in quarantena in città. Dopo quella della primaria Aldo Moro, quartiere Campo Sportivo, lo stesso provvedimento dell’Asur è scattato per una classe della primaria Allegretto. Gli alunni, di conseguenza, dovranno stare a casa tutto la prossima settimana, poi effettueranno il tampone. E’ il nono episodio segnalato all’interno delle scuole della città della carta. Tra ieri e oggi, intanto, ci sono da segnalare due decessi a Genga. Cinque sono i decessi verificati nelle ultime 24 ore e inseriti nella tabella del Gores, nel corso dell’aggiornamento di oggi, sabato, delle ore 18.

Per quel che riguarda, intanto, le aziende, si segnalano quattro operai asintomatici alla Bs Service. Negativi tutti gli altri. In nessun caso il contagio è avvenuto nei luoghi di lavoro, ma sempre all’esterno. Alla Faber, presso la zona industriale Berbentina di Sassoferrato, ci sono stati due episodi di positività. L’azienda ha deciso di limitare al massimo i contatti negli spazi comuni chiudendo la mensa, come richiesto dal medico aziendale in base agli ultimi casi interni e all’aumento generale di casi Covid nel territorio. Nel frattempo, ci si è attivati con i tamponi rapidi. Altre misure più stringenti stanno riguardando anche le Cartiere, Whirlpool, Elica e Ariston Thermo Group.

Marche

Sono saliti a 521 i ricoveri per covid negli ospedali delle Marche, 17 in più rispetto a ieri. Complessivamente i degenti in terapia intensiva sono 67, +7 su ieri, quelli in aree semi intensive sono 145 (+15), quelli in reparti non intensivi sono 309 (-5). I positivi in isolamento domiciliare sono passati da 8.736 a 9.306. Secondo i dati del Servizio Sanità della Regione gli attualmente positivi (ricoverati più isolati) sono saliti da 9.240 a 9.827. I 67 ricoverati in terapia intensiva si trovano negli ospedali di Ancona Torrette, Pesaro Marche Nord, Jesi, San Benedetto del Tronto, Fermo e al Covid Hospital di Civitanova Marche (9), struttura quest’ultima articolata in moduli, dove si trovano anche 14 malati in semi intensiva. Sono saliti a 116 gli ospiti di strutture territoriali: le Rsa di Campofilone, Chiaravalle, Galantara. In vari ospedali sono state organizzate aree covid per i pazienti in reparti non intensivi: Torrette, Senigallia, Fermo, Jesi, Macerata, Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto. Sono arrivate a 15.581 per persone in quarantena per contatti con contagiati: 2.068 con sintomi, 590 operatori sanitari. I dimessi/guariti sono 7.415, il totale dei casi positivi diagnosticati nelle Marche dall’inizio della pandemia è 18.287.

Sono 631 i positivi al covid rilevati nelle ultime 24ore nelle Marche, pari a 17,5% del totale dei 3.603 tamponi testati e al 30,4% dei 2.075 nel percorso nuove diagnosi (il totale ne comprende anche 1.528 nel percorso guariti). Secondo i dati del Servizio Sanità della Regione, sono 236 i positivi nella provincia di Ancona, 136 in quella di Fermo, 117 nella provincia di Macerata, 64 nella provincia di Ascoli Piceno, 53 nella provincia di Pesaro Urbino, 25 da fuori regione. I soggetti sintomatici sono 105, contatti in setting domestico (134), contatti stretti di casi positivi (169), contatti in setting lavorativo (9), contatti in ambienti di vita/socialità (29), contatti in setting assistenziale (6), contatti in setting scolastico/formativo (17), screening percorso sanitario (8) e 5 rientri dall’estero (Pakistan, Romania, Albania). Per altri 149 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Carabinieri

Controlli serrati in tutto il territorio svolti in serata e nella notte dai carabinieri del Comando Provinciale di Ancona, con l’obiettivo principale di verificare il rispetto della normativa anti COVID-19. Impiegati 50 militari e 25 automezzi. Durante il servizio sono state controllate 216 persone e 169 autoveicoli. Nel complesso, denunciati due stranieri perché senza permesso di soggiorno e con decreto di espulsione, sanzionate tre persone per il mancato utilizzo della mascherina ed altre otto in quanto circolavano dopo le 22 senza un giustificato motivo. In particolare, poco dopo la mezzanotte di ieri, a Jesi i carabinieri della Radiomobile hanno sorpreso due uomini di origini tunisine che camminavano per le vie del centro storico. Entrambi si sono giustificati dicendo di non avere il Covid e che non sapevano di non poter uscire a quell’ora, ma ciò non è servito ad evitargli la sanzione per il mancato rispetto della normativa sul contenimento covid e la denuncia in quanto, dai successivi controlli effettuati, sono risultati anche irregolari sul territorio nazionale e destinatari di un provvedimento di espulsione. A Senigallia, in serata, i carabinieri della Stazione hanno sanzionato tre giovani perché a piedi tra le vie del centro storico senza mascherina ed ulteriori tre uomini in quanto controllati dopo le 22 alla guida delle loro autovetture senza un giustificato motivo. Ad Ancona, invece, poco dopo le 23 i carabinieri hanno sanzionato tre ragazzi del posto in quanto sorpresi in auto senza alcuna giustificazione. Controlli sono stati effettuati anche nei comuni di Fabriano ed Osimo, anche nei luoghi più affollati, senza riscontrare nulla di anomalo.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy