I MALATI ONCOLOGICI ATTENDONO IL RIMBORSO SPESE 2019

di Marco Antonini

Fabriano – Non è facile accettare la malattia. Quando arriva il cancro cambiano i punti di vista e tutto ciò che prima sembrava normale o si sopportava facilmente, ora diventa una zavorra. Chi sta male, purtroppo, non deve fare i conti solo con i dolori, con le medicine, con l’incertezza, ma pure con lo Stato. Alcuni malati oncologici del comprensorio fabrianese, ad esempio, attraverso queste righe, si appellano al nuovo governatore della regione Marche, Francesco Acquaroli. In primo piano i rimborsi oncologici per chi ha dovuto spendere soldi, e anche tanti, per un intervento chirurgico e visite specialistiche in un’altra regione d’Italia. “Abbiamo consegnato la pratica per avere il rimborso – raccontano – inizio anno. Sono documentate le spese relative a quanto fatto nel 2019. Siamo ad ottobre e le pratiche non sono state ancora liquidate per mancanza di soldi”. Un problema non di poco conto perché, in un mondo normale, le persone affette da neoplasia dovrebbero essere tutelate doppiamente. Eppure i fondi che erano stati stanziati per questi rimborsi, tra le varie Aree Vaste, sono terminati ormai dai mesi e finchè non avverrà nuovo finanziamento gli operatori dell’Asur non potranno effettuare i rimborsi. “Chiediamo – concludono alcuni pazienti fabrianesi – di velocizzare l’iter per poter permettere agli uffici di liquidare il rimborso spese relativo all’anno 2019 visto che a breve si dovrà presentare quello del 2020”.

La Legge Regionale 8 del 18 aprile 2019 ha abrogato le Leggi Regionali numero 30 del 1987 e numero 52 del 1994. Il rimborso spese ai soggetti affetti da neoplasia, è stato rimodulato in forma di contributo di solidarietà per il solo espletamento di cure oncologiche (chemioterapia, radioterapia, immunoterapia, intervento chirurgico incluse le prestazioni di pre e post ricovero) da corrispondere al paziente e all’accompagnatore per un importo massimo di € 1.000,00 annui per ciascuno. Ricordiamo che sono beneficiari del contributo gli assistiti affetti da neoplasia che necessitano di cure, che per complessità o caratteristiche specifiche, non sono ottenibili adeguatamente presso i presidi e servizi della propria Area Vasta o all’interno dell’intero territorio regionale. Sono diversi, infatti, i casi che necessitano di un consulto e relativo intervento in un centro specializzato ad esempio del Lazio, dell’Emilia Romagna o della Lombardia. Ci sono, ad esempio, cittadini che chiedono, con parere favorevole dei medici del posto, di recarsi fuori Regione per elevata complessità di intervento per una particolare casistica, come tumori rari o interventi chirurgici ad altissima complessità per i quali l’expertise clinico regionale non può essere garantito a causa della bassa numerosità. Ci sono poi cittadini che devono recarsi, all’interno del Sistema Sanitario Regionale, per tutte le situazioni di radioterapia o comunque di chirurgia oncologica, in alcuni Centri qualificati della Regione. Tutti casi di malattia dove il rimborso è necessario viste le tante spese che vanno affrontate non solo con la trasferta al centro specializzato, ma con tutte le spese per l’accompagnatore che dovrà prendere casa e assistere il proprio malato per tutto il tempo della degenza.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy