IL SINDACO: “ABBIAMO SEGUITO LE INDICAZIONI DEL MINISTERO”

di Marco Antonini

Fabriano – “Nella gestione della macchina comunale abbiamo seguito, in modo preciso, le indicazioni fornite dal Ministero. I dipendenti hanno lavorato da casa e sono stati garantiti i servizi essenziali. Gli altri su appuntamento”. Così il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, ribatte all’interpellanza presentata mercoledì dal capogruppo del Partito Democratico, Giovanni Balducci che evidenziava la chiusura degli uffici di palazzo XXVI Settembre 1997. Il primo cittadino anticipa che “a breve gli uffici potranno riaprire, ma su appuntamento, come da linee guida che sono state pubblicate dal Governo in concomitanza con la riapertura di tante attività, il 18 maggio”. In questi mesi sono stati garantiti alcuni servizi del settore Anagrafe, per pratiche relative a nascite, decessi e cambi di residenza, i servizi non differibili con prenotazione e il settore Polizia Locale. I dipendenti, quindi, hanno lavorato da casa oppure hanno consumato le ferie arretrate. Quegli impiegati che hanno avuto la necessità di entrare in ufficio per prendere alcuni documenti hanno dovuto chiedere una particolare autorizzazione. Il sindaco conferma che a breve il palazzo comunale potrà riaprire, su appuntamento, con una serie di protocolli che si stanno mettendo a punto in questi giorni. Confermato l’acquisto di una serie di barriere di plexiglass per tutelare dipendente e utente, il posizionamento di una serie di pannelli indicativi in base all’aggiornamento del Piano della sicurezza. I rilevatori degli stati febbrili sono facoltativi. L’Amministrazione comunale potrebbe optare per l’autocertificazione da far compilare agli utenti prima di entrare.

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy