OTTO SACCHI CONDOMINIALI LANCIATI DAL PONTE DI COCCORE

di Marco Antonini

Sassoferrato – Otto sacchi condominiali da 50 chilogrammi lanciato dal ponte di Coccore e 20 metri cubi di rifiuti lungo il torrente Sanguerone, sempre a Sassoferrato. All’interno tanti rifiuti domestici di vario tipo. Un sacco era pieno, addirittura, di pannoloni per anziani. E’quanto hanno scoperto, la scorsa settimana, i carabinieri forestali di Sassoferrato che, dopo lunghe indagini, sono riusciti a identificare e multare quattro persone, tre del posto e uno del Maceratese. Rischiano ognuno fino a 3mila euro di sanzione oltre l’obbligo di provvedere a loro spese al ripristino dello stato dei luoghi ed alla bonifica dei siti entro i termini ordinati dal Comune. Il fatto è accaduto nelle ultime settimane, quando il Centro Ambientale intercomunale di Sassoferrato era chiuso a causa dell’emergenza Covid-19. Questo non è il primo episodio segnalato. Già lo scorso mese i carabinieri forestali avevano riscontrato un sensibile aumento sul territorio di rifiuti urbani privati gettati dove capita, in mezzo alla natura, formando vere e proprie discariche abusive come quelle scoperte in prossimità del Torrente Sanguerone e del Torrente Marena, le cui acque di pregio sono tra le pochissime classificate di categoria A nella Provincia di Ancona. Le forze dell’ordine sono intervenute lungo i due torrenti con la speranza di riuscire a trovare indizi per risalire ai proprietari di quei rifiuti. In quei luoghi difficilmente raggiungibili sono state cercate le prove dei trasgressori. Prove che sono puntualmente arrivate. Attraverso indagini sui documenti rinvenuti tra i rifiuti e a seguito di appostamenti, i militari sono riusciti ad individuare 3 proprietari di rifiuti abbandonati ed 1 proprietario di un camion da cui sono stati scaricati. Per tutti multe da 3mila euro ognuno e non si escludono altri provvedimenti. Il controllo da parte dei forestali prosegue, in questi giorni, nonostante la riapertura del Centro Ambiente sito in località Fornace di Sassoferrato.

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy