ROYAL LIONS FABRIANO, CAMPIONI D’EUROPA

di Marco Antonini

Fabriano – Grande successo per i ragazzi della squadra non udenti Amplifon Royal Lions Fabriano che, sabato, hanno compiuto l’impresa. A Mosca, infatti, hanno vinto l’Eurocup 2019, il Campionato europeo di basket per club di atleti sordi. Dopo aver superato senza difficoltà la fase a gironi con tre vittorie, e dopo aver vinto sia i quarti di finale che la semifinale, è arrivato il podio sconfiggendo i padroni di casa, la Gloria Mosca. Punteggio finale 84-74 per la squadra della città della carta. Una straordinaria soddisfazione made in Fabriano grazie alla passione del capitano, Paolo Aisa, e alla guida tecnica degli allenatori Davide Cola e Andrea Novelli che hanno schierato una formazione molto valida, capace di conquistare il titolo. “I campioni europei siamo noi” ha detto con emozione Paolo Aisa nel commentare la vittoria. “Il più bel ricordo che portiamo con noi da Mosca – dichiara Aisa – è la grande amicizia e il grande affetto che ha legato tutti i componenti della nostra squadra, anche se alcuni si erano conosciuti solo da poco tempo, e questo ha permesso di creare una squadra compatta e determinata che è riuscita ad ottenere risultati incredibili che prima facevano parte solo dei nostri sogni.”

Intanto a Fabriano, nell’ultima settimana, si è lavorato sul delicato tema della disabilità non solo uditiva, ma anche visiva. La sezione Uici (Unione Italiana Ciechi) ha organizzato la prima “Merenda al buio” con gli alunni delle classi terza e quinta della scuola primaria di Marischio. “Al loro arrivo – ha raccontato l’organizzatrice, Alessandra Ruberti – i bambini sono stati bendati per poi fare dei giochi che hanno coinvolto tutti gli altri sensi, olfatto, gusto, tatto e udito che al buio si attivano in maniera esponenziale”. Dopo i giochi la merenda, rigorosamente tutti bendati. Al termine agli studenti è stati dato un piccolo ricordo, il loro nome scritto in braille.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy