ROMAGNOLI: “ISTITUITO IL REGISTRO NAZIONALE TUMORI, UN PASSO AVANTI”

Roma – È stato approvato all’unanimità dall’Aula del Senato, il disegno di legge con il quale si istituisce il registro nazionale tumori. “Il Decreto Legge per l’istituzione e Disciplina della Rete Nazionale dei registri dei Tumori e del referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione – commenta sergio Romagnoli – costituisce un momento fondamentale per la battaglia contro questa terribile malattia. L’obiettivo di consentire, infatti, una totale copertura nazionale attraverso la piena razionalizzazione degli strumenti giuridici è quanto mai opportuno e indispensabile anche per consentire un ulteriore passo in avanti alla ricerca e alla fase di miglioramento della prognosi dei pazienti”.

“I dati ufficiali – continua Romagnoli – sono gravissimi (per esempio, in America c’è un incremento dei tumori nei bambini dello 0,6%, in Italia del 2%) ed ecco che fino ad oggi hanno preferito non ufficializzare un registro tumori che si intersechi per esempio con la geo localizzazione di aziende insane, incendi di rifiuti, sotterramenti impropri. Questo provvedimento va proprio nella direzione di colmare queste gravi lacune del nostro sistema, lacune che vanno avanti da decenni e hanno portato a conseguenze nefaste sulla salute di migliaia di persone, sia dal punto di vista strettamente sanitario, sia dal punto di vista psicologico, e indicibili sofferenze anche sui famigliari dei malati colpiti dalle gravi patologie tumorali. Tra poco saranno due anni che un neurochirurgo della Sanità pubblica mi ha salvato la vita e successivamente terapisti, infermieri e OSS della Sanità privata mi hanno rimesso in piedi – racconta il senatore pentastellato -. Questo ad evidenziare come il collaborare di eccellenze sia pubbliche che private, possano ottenere grandi risultati. La stessa collaborazione deve avvenire con l’altro pilastro fondamentale, ovvero il Terzo Settore, e uno dei grandi meriti del Decreto Legge è proprio di avere sottolineato l’esigenza di una sempre maggiore connessione che non può e non deve limitarsi a un rapporto cosiddetto di “buon vicinato” ma deve andare oltre, arrivando a stabilire una sinergia profonda anche nella migliore strutturazione e individuazione dei bisogni del malato di cancro e quindi a una più opportuna individuazione degli strumenti sanitari di intervento sulle patologie”.

Il ricordo

“Io e i miei familiari – dichiara Romagnoli -siamo passati attraverso questi terribili momenti quindi so bene quali dolori e sensazioni possono provare i malati di tumori e proprio per questo affermo che il Decreto riveste la caratteristica della massima urgenza per tutta la società italiana. Spero, inoltre, che in un prossimo futuro il registro tumori sì completi con tutte le malattie neuro generative. Nel 2019 non è minimamente pensabile essere sprovvisti di uno strumento così importante. Nei decenni trascorsi si è andati dietro agli interessi economici, adesso è il momento di voltare pagina, di mettere al centro il malato, i suoi bisogni, le sue sofferenze, e la dimensione umana, con il sostegno della scienza, deve orientare le scelte anche del legislatore, per arrivare ad una sinergia efficace tra le varie componenti della società, unite nell’interesse esclusivo del paziente”.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy