CACCIA AL CINGHIALE, STOP NELLE AREE DI RISPETTO VENATORIO DI FABRIANO

“Stop alla caccia al cinghiale nelle Aree di Rispetto Venatorio istituite dagli Ambiti Territoriali di Caccia”. Lo chiede Danilo Baldini, delegato Lac Marche, la Lega Abolizione Caccia, che sottolinea come in queste aree è attivo il divieto di caccia a lepre, fagiano, per l’incremento della specie, ma non quella agli ungulati e cervidi. Quattro le zone in questione: Fabriano città e nelle località Civita, Melano e Cancelli per una superfice di oltre mille ettari. “Permettere che in queste aree densamente abitate venga praticata la caccia al cinghiale è pericoloso. Probabilmente – spiega Baldini – vi sarà capitato di osservare, nelle periferie ad Ovest e a Sud-Est di Fabriano o nelle frazioni di Melano e Cancelli, dei cartelli affissi di colore giallo con su scritto: “Area di Rispetto – caccia regolamentata” che spiega come, per incrementare le specie presenti, lepre, fagiano o starna, vige il divieto di caccia. Peccato che nelle quattro zone attive a Fabriano, il divieto non vale per cervidi e cinghiali”. Un problema, quello degli ungulati, che spaventa soprattutto i residenti delle frazioni che denunciano i continui attraversamenti improvvisi dei selvatici con troppi rischi per gli automobilisti costretti a frenate all’ultimo momento, soprattutto nelle ore notturne. Episodi frequenti, ad esempio, vengono segnalati lungo la strada provinciale che collega la città della carta con Sassoferrato. Undici mesi fa l’ultimo abbattimento straordinario che ha permesso, in dieci giorni, di abbattere 110 ungulati. La stagione invernale ricca di ghiande nei monti del comprensorio ha fatto sì che sono diminuiti gli animali che scendono in città a cercare cibo. Un problema, comunque, che si ripresenterà nei prossimi mesi motivo per il quale molti agricoltori chiedono interventi per evitare danni alle coltivazioni.

m.a.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy